Ecco i ministri del governo Gentiloni

ROMA – “Non mi nascondo le difficoltà politiche. Il governo si metterà al lavoro immediatamente con tutte le sue forze, concentrato sui problemi del paese e con l’ottimismo che deriva dalla grande forza del popolo italiano”. Così il premier Paolo Gentiloni, dopo l’annuncio della lista dei ministri. Il giuramento del nuovo governo è fissato alle di stasera. Il governo Gentiloni chiederà la fiducia alle Camere domani e dopodomani.

Ecco la squadra scelta da Gentiloni:  Marco Minniti al ministero degli Interni; Angelino Alfano agli Esteri; Andrea Orlando alla Giustizia, Roberta Pinotti alla Difesa; Piercarlo Padoan all’ Economia, Carlo Calenda allo Sviluppo; Maurizio Martina all’Agricoltura; Gian Luca Galletti all’Ambiente; Graziano Delrio alle Infrastrutture e trasporti; Giuliano Poletti al Lavoro; Valeria Fedeli all’Istruzione e Università; Dario Franceschini alla Cultura, Beatrice Lorenzin alla Salute. Senza portafoglio: Anna Finocchiaro, rapporti con il Parlamento, Marianna Madia Semplificazione e pubblica amministrazione; Enrico Costa Affari Regionali; Claudio De Vincenti, Coesione territoriale e Mezzogiorno; Luca Lotti, Sport.Sottosegretario con funzioni di segretario al consiglio dei ministri: Maria Elena Boschi.

“Il governo, come si vede anche dalla sua struttura – ha detto Gentiloni – proseguirà nell’azione di innovazione svolta fin qui dal governo guidato dal presidente Renzi. Ho fatto del mio meglio per formare il governo nel più breve tempo possibile. E credo nell’interesse della stabilità delle nostre istituzioni alla quale guardano le italiane e gli italiani”. “Il governo  – ha proseguito – si adopererà per facilitare il lavoro tra le diverse forze parlamentari volto a individuare le nuove regole per le leggi elettorali. La fiducia ‘consentirà’ al governo di rappresentare l”Italia a pieno titolo già nel Consiglio europeo di giovedi” prossimo”. “L”Italia, paese fondatore e protagonista dell”Unione europea- prosegue Gentiloni – Italia che si batte nell”Unione europea per politiche migratorie comuni e per politiche economiche finalmente orientate alla crescita”. E questo, sottolinea il capo del governo, sarà un mio impegno personale molto forte nei prossimi mesi”. “Non possiamo ignorare le varie forme di disagio – ha concluso il premier –  specie nelle fasce piu” deboli del ceto medio e specie nel mezzogiorno, dove il lavoro è un”emergenza più drammatica che altrove, e sarà una vera priorita” del nostro impegno dei prossimi mesi”. (Agenzia redattore Sociale)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close