Domani “Moschee aperte” a Genova

GENOVA – Promuovere il dialogo e la tolleranza. È questo lo scopo di “Moschee aperte”, l’iniziativa organizzata dal quotidiano Secolo XIX in collaborazione con i centri islamici di Genova e che prende il via domenica 13 dicembre.

Si parte domani, dunque, in sette moschee della città dove gli Imam accoglieranno con tè e dolci i cittadini che vorranno conoscere meglio la religione e la cultura islamica. Una visita guidata informale all’interno di luoghi di preghiera, volta ad accorciare le distanze tra Oriente e Occidente, contro ogni forma di pregiudizio. Inoltre, presso il Centro Culturale Khalid Ibn Walid, si terrà un laboratorio di narrazione per bambini dai 6 ai 12 anni. Qui, i profughi di Genova racconteranno al giovane pubblico fiabe e storie della tradizione mediorientale. Appuntamento finale in moschea per scambiare due chiacchiere sull’insolito pomeriggio e per degustare insieme prodotti tipici.

Il secondo appuntamento è per domenica 20 dicembre con una passeggiata interculturale guidata alla scoperta del centro storico cittadino e della Comunità Islamica con i racconti dei ‘nuovi cittadini’ mentre per i più piccoli è previsto un laboratorio di scrittura nel corso del quale impareranno a scrivere il proprio nome in arabo. Infine, uno scambio di saluti, anzi di ‘segni di pace’, tra rappresentanti dell’Arcidiocesi, della Comunità ebraica e della Chiesa Cristiano-Ortodossa di Genova.

«Le sale di preghiera sono sempre aperte, in ogni giorno dell’anno – ha detto al Secolo XIX l’imam Salah Husein, responsabile del Centro Culturale Islamico di Genova di via G.B. Sasso – Ma con queste due giornate la comunità islamica genovese intende aprirsi simbolicamente per sostenere con tutte le sue forze la cultura del dialogo, messa a dura prova in questo momento in cui sembrano prevalere sospetto, paura, divisioni. Siamo preoccupati per le vicende che stanno sconvolgendo il mondo e vogliamo aprire i luoghi di culto che quotidianamente accolgono i fedeli musulmani in preghiera e in riflessione facendoli diventare luoghi di incontro e di pace».

Il progetto “Moschee aperte” è organizzato dal giornalista Pablo Calzeroni per il Secolo XIX insieme ai centri islamici genovesi in collaborazione con U-BOOT Architettura Paesaggio Ricerca, Viaggi Solidali, Acra, Ce.Sto/Giardini Luzzati, il Formicaio con il supporto di Panificatori Genova e Provincia.

Redazione

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close