Crotone, sindacati in piazza per “Lavoro, legalità, dignità”

L'inizio del corteo (foto wereporter.it)

CROTONE – Lavoro, legalità e dignità. Questo il tema della manifestazione svoltasi questa mattina a Crotone e organizzata dai sindacati Cgil, Cisl e Uil. Un corteo composto dai dipendenti della Provincia di Crotone, dai lavoratori della Gestione Servizi, società in house dell’ente intermedio, da quelli dell’Akros, altra partecipata della Provincia e dichiarata fallita un mesetto fa, ma anche una rappresentanza del Marrelli Hospital, e poi diversi sindaci del crotonese, rappresentanti di politica e istituzioni.

Una mobilitazione che ha attraversato il centro della città e si è ritrovata in piazza della Resistenza per gli interventi di Raffaele Falbo, della Cgil cittadina; di Paolo Tramonti, segretario generale della Cisl Calabria e infine di Gugliemo Loy, segretario nazionale della Uil. Ascolta l’intervista a Loy

Non assistenzialismo ma misure mirate. La richiesta da parte dei sindacati, in estrema sintesi, è stata questa. Per un territorio che sta morendo o che forse è già spirato. Forse per questo dalle finestre del palazzo provinciale di via Mario Nicoletta è stato esposto un enorme striscione nero. Nero come il futuro visto dagli occhi di chi vive in questa città. Rassegnata e in balia degli interessi di pochi. Dove i diritti diventano favori e le promesse in campagna elettorale cancellano la memoria. Troppo corta quelle dei crotonesi. Che hanno rinunciato a essere protagonisti, come avveniva una ventina d’anni fa quando le donne di Crotone manifestavano sui binari della stazione ferroviaria mentre i loro mariti bloccavano le strade di giorno e di notte.

Non ci sono più le fabbriche. Ma morti di tumori e veleni. E la verità, è che non ci sono neanche più binari da occupare né strade, degne di questo nome, da invadere. E se non si agisce bene, forse, anche l’aeroporto resterà un reperto di archeologia industriale.

Il merito dei sindacati, oggi, sta nell’aver alzato la voce. Chissà se qualcuno ascolterà.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close