Covid, variante sudafricana Omicron classificata “preoccupante”

fase 2 italia regole

Foto di fernando zhiminaicela da Pixabay

Una nuova variante di Covid-19 rilevata negli ultimi giorni in cinque Paesi comporta maggiori rischi di contagio rispetto a quelle già note: lo ha comunicato oggi l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), al termine di una riunione di emergenza a Ginevra. Il ceppo è stato definito come preoccupante, in inglese “of concern”, e classificato con il nome “Omicron“. A oggi la variante, anche nota come B.1.1.529, è stata rilevata in Sudafrica, Botswana, Belgi, Hong Kong e Israele.

“L’emergere di una nuova variante in Africa australe è l’ultima conferma della necessità di proteggersi e allo stesso tempo di contrastare le disuguaglianze globali, anche con una moratoria sui brevetti dei vaccini”: così all’agenzia Dire Mike Pothier, analista dell’Ufficio parlamentare della Conferenza episcopale del Sudafrica (Cplo).

Secondo l’esperto, raggiunto a Città del Capo, “le autorità sanitarie del Paese sono al lavoro per capire il grado di pericolosità del ceppo B.1.1.529 e in particolare l’efficacia dei vaccini nei suoi confronti”. La tesi è che le prime indicazioni siano incoraggianti ma che, a ogni modo, l’emergere della variante rafforzi inevitabilmente la necessità di proteggersi.

Pothier affronta anche il nodo della moratoria sui brevetti dei vaccini, proposta oltre un anno fa proprio dal Sudafrica, insieme con l’India, con l’obiettivo di favorire la produzione dei farmaci a beneficio dei Paesi più svantaggiati. “La proposta è stata sostenuta da oltre cento Paesi” ricorda l’analista. “Anche Papa Francesco, parlandone, ha chiesto una maggiore disponibilità da parte delle multinazionali e dei Paesi ricchi”.

Secondo Pothier, però, è difficile che la nuova variante possa cambiare gli orientamenti politici sostenuti nell’ultimo anno anche dall’Europa. Uno dei prossimi test sarà la conferenza dell’Organizzazione mondiale del commercio (Omc/Wto) che comincerà martedì prossimo e che in teoria potrebbe esprimersi su una moratoria. “Al massimo vedremo più donazioni” sottolinea l’esperto, convinto di come le disuguaglianze restino a oggi strutturali e profonde. “Qui in Sudafrica ha ricevuto almeno una dose circa il 60 per cento della popolazione adulta” calcola Pothier. “In altri Paesi vicini, come ad esempio il Botswana, dove pure è stata rilevata la variante, non si arriva però neanche al 20 per cento”. (Agenzia DIRE)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close