Avramopoulos a Idomeni, appello agli Stati membri: “Mostrate solidarietà”

Foto di Gabriele Casini per Save the children

BRUXELLES – Dal fango di Idomeni, la tendopoli in cui sono ammassate ormai 14 mila persone che sperano di riuscire ad attraversare il confine tra Grecia e Macedonia, appare ancora più chiaro: “Tutti i nostri valori sono in pericolo”. Non fa sconti all’Unione europea il commissario Ue all’immigrazione, Dimitris Avramopoulos, che dal campo nato dopo la chiusura della rotta balcanica ammette: quello che sta accadendo “non onora il mondo civilizzato, non onora l’Europa”. La situazione umanitaria “è drammatica”, ammette il rappresentante della Commissione Ue, che da Idomeni lancia un appello a tutte le capitali europee: “Per tutti è il momento di mostrare solidarietà e responsabilità, i due principi base attorno a cui è costruito il progetto europeo. Costruire muri – insiste – non è la soluzione. Dobbiamo lavorare insieme, gli Stati membri dell’Unione ma anche i paesi vicini per risolvere questa situazione nel pieno rispetto di quelli che stanno scappando da persecuzioni, dittature e terrorismo”.

Per questo la richiesta agli Stati membri è quella di “cominciare a mettere in atto immediatamente” il piano di relocation, i trasferimenti di rifugiati da Italia e Grecia. Piano che, ricorda Avramopoulos, “abbiamo adottato tutti insieme”. Il nostro obiettivo, fa i conti il commissario, “è di essere nella posizione di ricollocare 6 mila persone al mese e lavoriamo duramente per riuscirci”, ma “gli Stati membri – chiede – devono mettere a disposizione più posti” per l’accoglienza. Quello che chiede Bruxelles è un netto cambio di passo rispetto ai ritmi tenuti fino ad ora: dallo scorso 23 settembre ad oggi, cioè in oltre cinque mesi, sono state ricollocate in tutto appena 885 persone e sono stati messi a disposizione dagli Stati in tutto 3.412 posti.

Ma se da una parte l’appello dell’Ue è rivolto agli Stati membri, dall’altro va anche direttamente ai profughi nel campo di Idomeni. “Tutte queste persone devono capire che devono ascoltare le autorità e seguire vie legali per raggiungere i loro obiettivi”, chiede Avramopoulos mettendo in guardia i profughi che “non devono credere a quello che gli dicono trafficanti senza pietà”. A pochi chilometri da Idomeni, spiega il commissario ai migranti, “ci sono campi organizzati dove le autorità fanno del loro meglio per dare supporto a queste persone in modo molto dignitoso”. Un appello simile a quello già giunto del premier greco, Alexis Tsipras, che ieri dopo l’incidente dei tre migranti annegati in un fiume nel tentativo di giungere in Macedonia, ha chiesto a tutti di “abbandonare gli sforzi per rimanere nell’area” e muoversi invece verso centri organizzati, mentre Atene lavorerà per accelerare il processo di relocation verso altri paesi d’Europa. A “tutte le famiglie di Idomeni”, il commissario europeo ripete: “Ascoltate i consigli che vi danno le autorità europee e greche, non credete ai trafficanti”. Ora “è giunto il momento di mettere fine a questo dramma e siamo determinati – assicura Avramopoulos – a lottare per raggiungere questo obiettivo”. (Agenzia Redattore Sociale)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close