Architettura, restauro, design: da Catania concorso internazionale dedicato a Carlotta Reitano

“Eccellenze” nel settore dell’architettura, del restauro e del design: a distanza di un anno torna il premio CarlottaXArchitettura, che nella sua seconda edizione varca i confini nazionali, aprendo le  porte anche alle opere realizzate da professionisti italiani nel mondo. Quest’anno il concorso – organizzato da Ordine e Fondazione Architetti PPC e dal Comune di Catania – ha avuto il privilegio del patrocinio del Consiglio Nazionale (CNAPPC) – che ha messo a disposizione la piattaforma per il concorso – dell’Ordine di Bologna, del Quotidiano “La Sicilia” e dell’AIL Catania (Associazione Italiana contro Leucemia, Linfomi e Mielomi).

«Il premio CarlottaxArchitettura – sottolinea il presidente del CNAPPC Francesco Miceli – accresce in senso qualitativo il panorama delle manifestazioni e dei premi che si svolgono nel nostro Paese e che hanno come scopo la promozione della qualità del progetto e il valore dell’Architettura. Ma l’istituzione di questo premio, voluto dall’Ordine di Catania e dall’amico Alessandro Amaro, in ricordo di Carlotta, ha un ulteriore valore: è un premio in nome dell’impegno di una straordinaria donna, architetto, che ha saputo con le sue idee e la sua vivacità, nella vita e nella sua attività all’interno dell’Ordine, suscitare importanti azioni positive promuovendo il ruolo e la figura dell’Architetto nella società. L’impegno di Carlotta non solo va ricordato, ma occorre diffonderlo perché ci rende tutti più consapevoli ed adeguati a svolgere un ruolo attivo di presenza nella crescita culturale della società. Intitolare un premio di Architettura a una donna è un importante atto di consapevolezza e di questo non possiamo che essere fieri come comunità degli Architetti italiani».

«Spazio all’architettura dal grande valore sociale e strumento fondamentale per la trasformazione urbanistica del territorio, in un’iniziativa internazionale che parte proprio da Catania e che racchiude la nuova progettualità contemporanea attraverso un approccio etico e innovativo», sottolinea il sindaco del capoluogo etneo Salvo Pogliese. «Una manifestazione finalizzata a valorizzare tutte le declinazioni dell’architettura, puntando sulla qualità del progetto e dando visibilità a tutti quei professionisti che hanno saputo cogliere al meglio le sfide attuali», commenta il presidente dell’Ordine degli Architetti PPC di Catania Sebastian Carlo Greco.

«Diamo seguito a un’iniziativa volta a ricordare l’architetto Carlotta Reitano, scomparsa prematuramente a settembre del 2020, proseguendo il percorso avviato durante i suoi anni di presidenza in Fondazione (dal 2009 al 2013): la promozione dell’architettura e dei giovani professionisti», dichiara la presidente della Fondazione della categoria etnea Eleonora Bonanno. Grazie al Premio – voluto fortemente dal marito e past president degli Architetti etnei Alessandro Amaro – rimane così viva la memoria di Carlotta, il suo coraggio, l’entusiasmo e la determinazione di una donna che ha voluto fortemente l’avvio della stagione dei workshop, la contaminazione tra il mondo accademico, le professioni, l’imprenditoria e la politica. «Riqualificazione, rigenerazione, sviluppo sostenibile, convivenza, sicurezza: questi i temi al centro della vision di Carlotta, che rappresentano ancora oggi le nostre sfide e soprattutto quelle delle nuove generazioni», aggiunge l’assessore alla Cultura Barbara Mirabella.

Il concorso è aperto ai singoli professionisti o agli studi di architettura che potranno presentare una sola opera per categoria: Architettura, Restauro o Recupero, Interni e/o Design. Novità di quest’anno, inoltre, è la sezione “Under 35” che vede protagonisti i progetti delle nuove generazioni. A partire dal prossimo 16 febbraio – termine ultimo per le candidature – inizieranno le valutazioni da parte della giuria, quest’anno ancora più internazionale: a presiedere la commissione, infatti, l’architetto giapponese Junko Kirimoto (studio Alvisi Kirimoto). Gli altri componenti sono: Alessandra Ferrari (consigliere CNAPPC), Sebastian Carlo Greco (presidente OAPPC Catania), Eleonora Bonanno (presidente Fondazione OAPPC Catania), Luigi Longhitano (past president OAPPC Catania), Maurizio Spina (docente Unict – DICAR).

La premiazione si terrà il prossimo 17 marzo al Palazzo della Cultura di Catania – viale Vittorio Emanuele – dove verrà allestita una mostra delle opere partecipanti.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close