Anaao Lazio: “Indennità per i pronto soccorso non basta, e fondi pnrr per tutto eccetto che per noi”

 “Mi piace il principio dell’indennità, non mi piace il quantum e come verrà gestita. Noi chiediamo a gran voce una rivisitazione di quello che facciamo. Dopo che ci hanno detto che eravamo stati gli eroi del Covid, ora con il Pnrr non ci sono le risorse per i dipendenti della sanità: si rifanno le macchine, gli strumenti diagnostici, le Case della salute, ma non ci sono i soldi per le ‘teste’ che devono guidare tutto questo. Siamo allibiti”. Lo afferma all’agenzia Dire Guido Coen Tirelli, segretario regionale Lazio dell’Anaao-Assomed, associazione dei medici e dirigenti sanitari.
“I Pronto soccorso sono il primo accesso per il paziente, e il ministero vuole dare a questi sanitari in prima linea un’indennità di 2.000 euro: stiamo parlando, quindi, di circa 1.000 euro l’anno una volta pagate le tasse, meno di 100 euro al mese. Non può bastare- sottolinea il segretario- Vi chiedete perché manca il personale? Perché è sottopagato, perché rischia a livello legale, e questo è un lavoro usurante. Preferiscono assumere i medici delle cooperative, ma noi così ci sentiamo presi in giro”.
E allora ecco la proposta dell’Anaao: “Mettiamoci a un tavolo e ragioniamo insieme. Serve assumere, aumentare gli stipendi a tutti, riformare il Ssn sulla base dei dipendenti. La decisione sull’indennità- spiega Tirelli- è stata intavolata con l’associazione dei medici di emergenza, con cui come Anaao siamo stati in costante contatto, ma anche loro avevano chiesto maggiori risorse, un 30% in più di quello che guadagnano adesso. Noi abbiamo in mano la vita dei pazienti, dobbiamo essere pagati come dirigenti dello Stato”.
Per Tirelli il sistema si è svegliato tardi: “Gli specializzandi ai quali quest’anno abbiamo aumentato le borse si immetteranno nel sistema tra cinque anni, ma andranno fuori dall’Italia. E questo perché non c’è programmazione, che è in mano al ministro dell’Università e non a quello della Salute. Ottima l’idea, paventata anni fa, di investire risorse per I neolaureati affinché possano tradurre la formazione ricevuta in Italia e non all’estero, ma dobbiamo anche creare il sistema in cui queste persone si inseriscono e possono restare”.
Rispetto ai reali numeri delle risorse mancanti, tra medici e infermieri nelle aree di emergenza e urgenza, Tirelli sottolinea: “Non sono 14mila le figure sanitarie che mancano ad oggi e che risultano dai numeri riportati in queste ore, sono infatti molte di più. Solo quest’anno, poi, ne andranno in pensione altre 5-6.000. Ma la politica è miope”. (Agenzia DIRE)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close