Minori migranti, Terre des Hommes: ‘gli hotspot assicurino protezione’

POZZALLO (RG) – Questa struttura, di recente divenuta un “hotspot”, ha visto il rafforzamento del suo ruolo di luogo deputato all’identificazione dei migranti appena sbarcati e alla loro suddivisione in base a categorie che ne stabiliscono il futuro destino.

Nelle poche ore in cui si svolgono queste delicate operazioni la vita di centinaia di persone potenzialmente titolari di una protezione è appesa a un filo e subordinata alle esigenze di sicurezza. Accade quindi che molte di loro vengano erroneamente considerati come migranti economici e venga loro consegnato un decreto di respingimento al quale debbono dare adempimento entro i seguenti sette giorni. A molti profughi, quindi, viene di fatto negata la possibilità di chiedere protezione in palese violazione del decreto Lgs.vo 142/2015 Sono esposti a questo rischio anche i minori stranieri non accompagnati, dato che spesso vengono identificati per errore come maggiorenni. A metà ottobre a 4 minorenni sbarcati a Pozzallo è stato rilasciato questo documento, senza un’approfondita indagine sui loro dati anagrafici e nessuna assistenza per le procedure d’identificazione.

Terre des Hommes denuncia pertanto l’assenza di informazione ai migranti appena sbarcati circa le formalità cui saranno tenuti ad adempiere e che li trova del tutto impreparati, fattore che li espone all’alto rischio di non essere riconosciuti nelle loro reali vulnerabilità.

Dell’ultimo sbarco di oltre 700 persone registrato il 5 novembre, ancora 270 sono presenti nel Centro e tra questi sono tantissimi bambini, alcuni molto piccoli,a cui Terre des Hommes sta dedicando una particolare attenzione data l’inadeguatezza della struttura per questo tipo di migranti.

La Fondazione è cosciente delle difficoltà di rispettare i tempi di un trasferimento veloce soprattutto delle fasce più vulnerabili per le quali è necessario individuare comunità e strutture di accoglienza adeguate, dovute alla scarsità di posti disponibili.
Tuttavia evidenzia come il prolungarsi di un trattenimento amministrativo in un tale contesto soprattutto di bambini e donne in condizioni di estrema vulnerabilità sia inadeguato e contrario al diritto umanitario che prevede una accoglienza rispettosa e volta alla loro protezione.

testo e foto dal sito Terre des Hommes

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close