Tubercolosi in carcere, il 50% degli stranieri è positivo al test

carceri

ROMA – Sono circa 20mila i detenuti stranieri presenti nelle carceri italiane, che rappresentano il 34,5% di tutti i detenuti. Oltre il 50% di questi risultano positivi al test alla tubercolina, che indica un pregresso contatto con il bacillo tubercolare. Queste persone non presentano una malattia attiva, ma sono a rischio di svilupparla in caso di forti stress in grado di ridurre l’efficienza del proprio sistema immunitario. Questi alcuni dei dati presentati a Roma al Congresso della SIMSPe, patrocinato dalla Simit (Societa’ italiana di Malattie Infettive e Tropicali): oltre 200 specialisti riuniti in occasione della XVIII Edizione del Congresso Nazionale SIMSPe-Onlus ‘Agora’ Penitenziaria’. Un confronto multidisciplinare, tra medici, specialisti, infettivologi, psichiatri, dermatologi, cardiologi, infermieri, organizzato insieme alla Societa’ Italiana di Malattie Infettive e Tropicali – Simit.

L’allarme tubercolosi. I dati SIMSPe sui detenuti in Italia risultati tubercolino positivi, indicano un rischio che e’ 5,7 volte superiore per chi ha avuto precedenti detenzioni, 4,9 volte superiore per gli stranieri, 3,8 volte superiore per i detenuti di eta’ superiore a 40 anni. La detenzione e’ un’occasione straordinaria per il controllo clinico, l’educazione sanitaria e le eventuali profilassi o terapie delle malattie infettive e segnatamente della Tubercolosi, eventualmente diagnosticate.

I numeri delle carceri. In Italia sono presenti 38 case di reclusione, 161 Case Circondariali, 7 Istituti per le misure di sicurezza. I detenuti presenti, a maggio 2017, sono 56.863, con un esubero di quasi 7mila posti rispetto ai 50.069 regolamentati. Le donne sono 2.394 (4,2 %), gli stranieri 19.365 (38,67%). Secondo le ultime stime disponibili (2012), il 32,8% hanno dai 30 ai 39 anni; il 25,9% dai 40 ai 49 anni; il 21,7% dai 21 ai 29; il 18% dai 50 in su; l’1,6% dai 18 ai 20.

Alto il livello di suicidi tra i detenuti: il numero piu’ alto, nel periodo tra il 1980 e il 2013, si e’ registrato nel 2001 (70 casi) e nel 2010 (piu’ di 60), con un minimo storico nel 1990 (circa 20). Anche i tentativi di suicidio sono cresciuti e addirittura raddoppiati nell’arco di 30 anni. Nel 2012, ultimo anno osservato, il tasso piu’ alto di tentativi di suicidio, con circa 1300 episodi. Poco meno nel 2010, con circa 1150 casi. Tra il 1980 e il 1990, invece, i numeri oscillano tra i 180 e i 600.

Le malattie delle carceri.  Secondo i risultati dello studio multicentrico 2014 (Veneto, Liguria, Toscana, Umbria, Lazio, ASL Salerno) tra i detenuti, e’ presente almeno una patologia nel 67.5% dei casi. I disturbi psichiatrici riguardano il 41.3% della popolazione nelle carceri; le malattie dell’apparato digerente il 14.5%; le malattie infettive l’11.5%; le malattie cardiovascolari l’11.4%; le malattie endocrine, del metabolismo ed immunitarie l’8.6%; le malattie apparato respiratorio il 5.4%; le malattie osteoarticolari il 5%; le malattie del sistema nervoso il 4%; le malattie genitourinario il 2,9%; le malattie dermatologiche l’1,8%.

L’Hiv nelle carceri italiane. La sorveglianza sanitaria in Italia dell’infezione da HIV riesce a raggiungere una copertura nazionale nel 2008. Da allora al 2015 sono stati notificati 25.677 nuove infezioni. Le persone sottoposte a terapia antiretrovirale presso i Centri di Malattie Infettive erano nel 2014 91.945. Tra le malattie infettive tra i residenti, l’Epatite C riguarda il 54,6% delle diagnosi, l’Epatite B il 15%, l’HIV il 14,5%, la tubercolosi il 4,9%; la sifilide il 3,3%. Il tasso di trasmissione stimato dalle persone HIV+ consapevoli e’ 1.7/2.4%, mentre quello delle persone inconsapevoli e’ 8.8/10.8%.

“È una sfida impegnativa- fanno sapere gli esperti dal Congresso- si tratta di un quantitativo ingente di individui, peraltro soggetti ad un elevato turn-over e talvolta restii a controlli e terapie. Un lavoro enorme, di competenza della salute pubblica: senza un’organizzazione adeguata. Pur avendo i farmaci a disposizione, si rischia di non riuscire a curare questi pazienti. La presa in carico di ogni persona che entra in carcere deve dunque avvenire non nel momento in cui questi dichiara di star male, ma dal primo istante in cui viene monitorato al suo ingresso nella struttura. Questa nuova concezione dei LEA significa che lo Stato riconosce che anche nelle carceri e’ necessaria un certo tipo di assistenza. Fino al 2016 non c’era alcuna regola: questa segnale puo’ essere un grande progresso”. (DIRE)

COPIA SNIPPET DI CODICE