(VIDEO) Ecco l’ospedale materno-infantile bombardato in Siria

ospedale ghouta msf

Una drammatica video-testimonianza arriva è stata inviata a Medici Senza Frontiere da un ospedale materno-infantile colpito nei recenti bombardamenti nella Ghouta orientale. A realizzare e inviare il video sono stati i medici che lavorano nella struttura, supportata da MSF dal 2014. Il video mostra l’ospedale prima, quando vi nascevano i bambini, e dopo l’attacco, con gli ambienti distrutti, dall’ingresso alle sale per i pazienti. Al momento la struttura non è più funzionante.

Di fatto – sottolnea Msf –  il cessate il fuoco nella Ghouta orientale non è mai partito, attacchi e bombardamenti continuano, ed è salito a 4050 il numero dei feriti e a 770 il quello dei morti, dal 18 al 27 febbraio. Tra loro, molti sono donne e bambini. Questi dati arrivano da 10 strutture a cui MSF garantisce un supporto regolare e altre 10 a cui l’organizzazione sta fornendo materiali medicali di emergenza. Ma si tratta di una sottostima perché alcuni centri hanno bisogno di tempo per inviare i dati e perché nell’area ci sono anche altre strutture, non supportate da MSF, che hanno assistito feriti di cui non abbiamo i numeri”.

Complessivamente “15 tra le 20 strutture mediche supportate da MSF nell’area sono state danneggiate o distrutte. Tra i medici che supportiamo, 3 sono rimasti uccisi e 8 feriti dal 18 febbraio. I medici ancora attivi sono completamente allo stremo”.

In questa situazione ancora grave e drammatica, MSF rinnova con forza il suo appello per un immediato cessate-il-fuoco. In particolare, MSF chiede a tutte le parti in conflitto di:
–  fermare gli attacchi e i bombardamenti per consentire una riorganizzazione della risposta medica;  consentire l’evacuazione medica dei pazienti più gravi;
– consentire a organizzazioni medico-umanitarie indipendenti di entrare nell’area per fornire assistenza diretta;
– garantire una massiccia fornitura di farmaci e materiali medici salvavita;
– garantire prima, durante e dopo ogni pausa nei combattimenti che le aree civili su entrambi i fronti, incluse le strutture mediche, non vengano colpite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close