“Verità per Giulio Regeni”. Amnesty: la versione egiziana è un oltraggio

Giulio Regeni

ROMAA due mesi dalla scomparsa di Giulio Regeni, il ricercatore ucciso al Cairo,  le associazioni Amnesty International, Cild, Antigone e le numerose associazioni e istituzioni aderenti alla campagna #veritàpergiulio non sono più disposte ad accettare l’atteggiamento omertoso delle autorità egiziane.

“La richiesta di ‘Verità per Giulio Regeni’ è stata fatta propria da tutta la società italiana, che non accetterà versioni di comodo, né permetterà che cali il silenzio sulla vicenda – dichiara il presidente di Amnesty International Italia Antonio Marchesi – riteniamo che il governo debba valutare l’uso di tutti gli altri strumenti, compresi quelli previsti dall’accordo di associazione tra l’Unione europea, i suoi stati membri e l’Egitto, e dalla Convenzione delle Nazioni Unite contro la tortura a cui aderiscono sia Italia che Egitto che impone precisi obblighi internazionali di investigare fatti di tortura e di processare o estradare gli accusati di quei fatti”.

Si fa sentire particolarmente in questo momento l’assenza del reato specifico di tortura nel nostro ordinamento che permetterebbe di valutare le torture a cui è stato sottoposto Giulio non come semplici aggravanti dell’omicidio. Le associazioni Cild e Antigone non si fanno scoraggiare nonostante siano consapevoli che si è ancora lontani sia da una versione che si avvicini alla verità che da una collaborazione giudiziaria tra Egitto e Italia. Lanciano infatti una mobilitazione online che invita tutti i sostenitori della causa a farsi una fotografia con un cartello in mano con la scritta “Verità per Giulio”, e a condividerla poi sui propri social network accompagnandola da invito al governo italiano affinché aumenti l’impegno e le pressioni su quello egiziano per una reale e fattiva collaborazione nella ricerca dei colpevoli di questo crimine.

Le autorità egiziane: “Abbiamo ucciso gli assassini di Regeni”. Le fonti governative del Cairo hanno annunciato, poco dopo gli appelli di Amnesty International, di Cild e Antigone, che una banda specializzata in rapine e in sequestro di stranieri al Cairo, sgominata, sarebbe “dietro all’uccisione dell’italiano Giulio Regeni”. I cinque criminali, camuffati da agenti della polizia, appartenenti a una gang specializzata sarebbero stati uccisi dalle forze di polizia nel corso di un conflitto a fuoco nell’hinterland della capitale, e documenti e effetti personali di Giulio sarebbero stati trovati a casa della sorella del capobanda, la quale ha confermato di conoscere le attività criminali di suo fratello che nascondeva presso di lei parte della refurtiva. 

Amnesty International Italia: “Inattendibile la versione egiziana”. “La nostra posizione di fronte alle ultime dichiarazioni delle autorità del Cairo – spiega Riccardo Nouri, portavoce di Amnesty International Italia – non è solo insoddisfazione, ma qualcosa di più. Non possiamo che condividere la rabbia dei genitori di Giulio per l’ennesima versione che scagiona istituzioni, autorità e forze dell’ordine egiziane”. Viene dunque rigettata in pieno, dagli inquirenti italiani come dalle associazioni coinvolte nella campagna #veritàpergiulio, la versione dei fatti egiziana, che sembra allontanarsi ancora di più dalla verità richiesta a gran voce dalla società civile italiana, e che rappresenta anzi un grave oltraggio soprattutto nei confronti dei genitori e dei familiari di Giulio. Istituzioni e associazioni aderenti alla campagna proseguiranno nella loro ricerca di verità e continueranno a lavorare per rendere giustizia e per ridare voce a Giulio Regeni. (Agenzia Redattore Sociale)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close