Unioni Civili, comunità LGBT in piazza

Unioni Civili, comunità LGBT in piazza

Sta dividendo la politica e l’Italia. C’è chi lo ritiene un atto di civiltà e chi, al contrario, ne critica aspramente i contenuti. Mentre il Senato si appresta il prossimo 28 gennaio a discutere il controverso disegno di Legge sulle unioni civili, le associazioni lgbt (Arcigay, ArciLesbica, Agedo, Famiglie Arcobaleno, Mit) “si preparano a mettere in campo una mobilitazione capillare nelle principali piazze del Paese”.

L’appuntamento è per il 23 gennaio in diverse città italiane quando i sostenitori del ddl scenderanno in piazza con presidi, cortei e flashmob, armati di orologi, sveglie, cellulari da fra suonare contemporaneamente. #‎SVEGLIATITALIA, è ora di essere civili! è lo slogan condiviso per tutte le manifestazioni.

L’articolo più controverso del ddl è quello relativo alla cosiddetta stepchild adoption, ovvero la possibilità, nelle coppie omosessuali, di adottare il figlio naturale del proprio partner.

“Chiediamo al Governo e al Parlamento – si legge sul sito delle famiglie arcobaleno – di guardare in faccia la realtà, di legiferare al più presto per fare in modo che non ci siano più discriminazioni e di approvare leggi che riconoscano la piena dignità e i pieni diritti alle persone gay, lesbiche, bisessuali e transessuali, cittadini e cittadine di questo Paese. La reciproca assistenza in caso di malattia, la possibilità di decidere per il partner in caso di ricovero o di intervento sanitario urgente, il diritto di ereditare i beni del partner, la possibilità di subentrare nei contratti, la reversibilità della pensione, la condivisione degli obblighi e dei diritti del nucleo familiare, il pieno riconoscimento dei diritti per i bambini figli di due mamme o di due papà, sono solo alcuni dei diritti attualmente negati. Questioni semplici e pratiche che incidono sulla vita di milioni di persone”.

Oltre alle manifestazione del 23 gennaio, nei giorni caldi della discussione a Palazzo Madama, cioè dal prossimo 26 gennaio, è previsto un presidio in piazza delle Cinque Lune, nei pressi del Senato, per testimoniare l’attenzione e l’apprensione per il dibattito in corso.

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close