Ucraina, l’arcivescovo Shevchuk “C’è guerra, ma non se ne parla più…”

ucraina

ROMA – “Da un anno i mezzi di comunicazione non parlano più della guerra in Ucraina e sembra che non esista più”. Si scusa per la “commozione” ma quando parla della guerra nella regione orientale del Donbass Sua Beatitudine Svyatoslav Shevchuk, arcivescovo maggiore della Chiesa ucraina greco-cattolica, non riesce a non incrinare la voce.

“L’Ucraina- ha detto ieri incontrando i giornalisti a Roma- è vittima di un’aggressione straniera”. “La guerra- aggiunge l’arcivescovo, ripreso dalla stampa cattolica- continua ogni giorno. Ogni giorno entrano in Ucraina cannoni, carri armati, soldati russi. Ogni giorno si spara sulla linea. Ogni giorno si contano feriti e morti“.

Shevchuk rende conto anche delle conseguenze che la guerra ha lasciato sul terreno. “Secondo le stime dell’Onu- dice- sono 2 milioni gli sfollati interni al Paese e di questi mezzo milione sono bambini. Si contano decine di migliaia di morti e non solo tra i soldati ma anche tra i civili. La guerra è una ferita che sanguina ancora” ha concluso. (Agenzia Dire)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close