Toscana, centraline anti smog in tutta la regione

FIRENZE – Si potenzia la lotta allo smog in Toscana: più centraline e una nuova rete di monitoraggio improntata su criteri diversi, più scientifici e più rappresentativi della qualità dell’aria in tutta la regione. Nella nuova rete le stazioni di misura della qualità dell’aria saliranno da 32 a 37. Ci saranno anche 2 stazioni mobili che potranno consentire di sopperire a malfunzionamenti delle stazioni fisse di rete, per garantire la continuità delle misurazioni e per l’effettuazione di indagini specifiche.

Passeranno inoltre da 31 a 63 i comuni toscani che dovranno dotarsi di un Piano di Azione Comunale (PAC) ovvero del programma che prevede interventi strutturali e interventi contingibili, questi ultimi da attivare solo in caso di necessità, per combattere lo smog. Il nuovo elenco dei comuni è il frutto di un importante lavoro condotto dalla Regione in collaborazione con Lamma e ARPAT grazie al quale viene ridefinita l’estensione territoriale da associarsi ai dati misurati dalle singole stazioni della rete regionale della qualità dell’aria.

Il nuovo approccio ha ridisegnato le aree comprendenti più comuni omogenei per qualità dell’aria i quali dovranno quindi predisporre i rispettivi PAC. “Il nuovo approccio che fissiamo con la delibera appena approvata, frutto di uno studio complesso e articolato, si basa sull’analisi per aree ampie, visto che l’aria non ha confini comunali – ha detto l’assessore all’ambiente e difesa del suolo Federica Fratoni – In questo modo potremo intervenire più fermamente sull’inquinamento nelle aree urbanizzate. Si tratta un ulteriore passo avanti nella lotta al cambiamento climatico, come sottolineato dal presidente Rossi durante il suo intervento alla conferenza di Parigi e ricordo anche che la Regione ha aderito in qualità di coordinatore territoriale al Patto dei Sindaci. La politica di risanamento che abbiamo potenziato si concentra su interventi strutturali, volti a garantire effetti più stabili nel tempo e quindi il rispetto dei valori limite di qualità dell’aria indipendentemente dalle condizioni meteo”. (Redattore Sociale)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close