Terremoto, Save The Children in collaborazione con CRI apre secondo spazio a misura di bambino ad Accumoli

Credit: Danilo Balducci per Save the Children

In collaborazione con la Croce Rossa Italiana, Save the Children è operativa con uno Spazio a misura di bambino nel campo di Grisciano, una frazione del Comune di Accumoli, gestito dalla Protezione Civile dell’Abruzzo.

Dopo l’avvio di un primo Spazio a misura di bambino nella tendopoli di Amatrice, già attivo dal 26 agosto, negli ultimi giorni sono state avviate anche ad Accumoli le attività di supporto socio-educativo rivolte ai bambini vittime del sisma e sono in via di definizione altri interventi.

 “Con l’avvicinarsi dell’apertura dell’anno scolastico, auspichiamo che i bambini delle zone colpite possano riprendere al più presto le attività scolastiche con i loro coetanei e continueremo ad affiancarli affinché il loro rientro a scuola sia il più sereno possibile,” ha dichiarato Raffaela Milano, Direttore Programmi Italia-Europa di Save the Children.

Gli Spazi a misura di bambino vengono attivati da Save the Children in numerosi contesti di emergenza, sia in Italia (come nel caso del terremoto dell’Aquila nel 2009 e del terremoto dell’Emilia-Romagna nel 2012) che all’estero. Si tratta di aree protette all’interno delle quali i bambini possono svolgere attività di gioco, creative e ricreative, che ne stimolino l’espressione, la partecipazione, l’inclusione pensate appositamente per situazioni di emergenza.

L’intervento di Save the Children a supporto delle popolazioni colpite dal drammatico terremoto è stato possibile anche grazie all’importante ed immediato supporto ricevuto dalle aziende al fianco dell’Organizzazione.

In particolare Bulgari, prezioso e storico partner globale di Save the Children, generosamente al nostro fianco nei più importanti interventi umanitari degli ultimi anni – quali i terremoti di Haiti, del Giappone e del Nepal, si è attivato immediatamente per sostenere i bambini delle aree colpite e le loro famiglie.

Un ringraziamento ad IKEA, per la donazione di articoli per i bambini e di arredi; OVS, che nelle ore successive al terremoto ha attivato una raccolta fondi in tutti i propri negozi italiani e su ovs.it; Procter & Gamble (P&G), Fater e Fameccanica che, attraverso il coinvolgimento e le donazioni dei propri dipendenti, ha dato la possibilità di rendere da subito operativo e funzionale il nostro intervento a supporto dei bambini e dei ragazzi colpiti dal terremoto. (Comunicato Stampa)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close