Terremoto, Anpas e Misericordie inviano mezzi e volontari

ROMA – Autocarri spazzaneve, moduli spargisale, motoslitte, cucine da campo e moduli bagno. Dopo le ripetute scosse di terremoto di quest’oggi nel Centro Italia, il Dipartimento per la Protezione civile allerta Anpas e Misericordie per potenziare gli interventi di soccorso tra le popolazioni colpite già in forte difficoltà per via delle abbondanti nevicate di questi giorni. A supporto delle strutture delle pubbliche assistenze Anpas già operative nei luoghi interessati dal sisma, l’Anpas nazionale sta inviando da Bergamo un autocarro “Unimog” dotato di lama spazzaneve e modulo spargi sale, un bobcat dotato di lama spazzaneve e una motoslitta.

“Stiamo ancora operando a Norcia – spiega Carmine Lizza, geologo e responsabile protezione civile Anpas – e con le nostre associazioni eravamo già attivi per l’emergenza neve in tutta Italia. In questo ulteriore intervento siamo a disposizione delle comunità colpite e seguiremo le indicazioni delle istituzioni”. Nei diversi epicentri delle scosse individuati tra i comuni di Montereale, Capitignano, Amatrice, Campotosto, Barete, Pizzoli e Montereale sono in corso tutte le necessarie verifiche per eventuali danni a persone o cose, si legge in una nota dell’Anpas. Intanto, spiega Egidio Pelagatti, responsabile operativo protezione civile Anpas, sono già pronti i rinforzi. “Grazie al lavoro fatto dai volontari nel magazzino di Montopoli – spiega Pelagatti -, abbiamo già pronta la seconda colonna per eventuali ulteriori necessità”.

Pronti ad intervenire anche i volontari delle Misericordie d’Italia. “Ci siamo subito attivati per affrontare le due emergenze – dice Alberto Corsinovi, responsabile dell’area emergenza della Confederazione nazionale delle Misericordie d’Italia -. E’ nuovamente aperta la sala operativa nazionale e sono in partenza, per questa prima fase, 75 volontari provenienti prevalentemente dalle Misericordie di Toscana e Lazio, più vicine alle zone colpite. Oltre agli uomini le Misericordie sono pronte a convergere su Montereale, epicentro della nuova ondata sismica, con una cucina da campo, moduli bagno e mezzi antineve ed altre strutture logistiche”. Volontari e mezzi che serviranno da “rinforzo”, spiega Corsinovi, alle strutture delle Misericordie già presenti a Amatrice, Ussita e Cascia. “Qui la neve ha raggiunto anche il metro di altezza con temperature polari – aggiunge -. Le nuove scosse di terremoto, poi, porteranno sicuramente un numero maggiore di cittadini a chiedere aiuto ai presidi già presenti nel territorio ed i volontari dovranno accoglierli e sostenerli”. (Agenzia Redattore Sociale)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close