Sud Sudan: urge più assistenza e protezione per la popolazione intrappolata nella violenza

Medici Senza Frontiere in Sud Sudan

Medici Senza Frontiere in Sud Sudan

SUD SUDAN – A dicembre di due anni fa scoppiava il conflitto in Sud Sudan e i combattimenti iniziati nella capitale Juba si diffondevano rapidamente in tutto il paese. Lo Stato più colpito dalle violenze è però quello di Unity – nel nord del Paese, al confine col Sudan – dove la popolazione civile vive in condizioni terribili, i tassi di malnutrizione sono allarmanti e la necessità di accesso alle cure mediche non è mai stata così urgente. In occasione di questo triste anniversario, Medici Senza Frontiere (MSF) chiede il rispetto della popolazione civile e un aumento urgente della risposta umanitaria internazionale.

Nello Stato di Unity, la popolazione civile è presa ripetutamente di mira e sottoposta a livelli estremi di violenza, tra cui stupri, rapimenti, estorsioni, saccheggi ed esecuzioni. I bisogni umanitari più urgenti sono l’assistenza alimentare e il supporto nutrizionale. Nel mese di novembre e dicembre, le cliniche mobili di MSF nelle Contee di Leer e Mayendit hanno riscontrato alti livelli di malnutrizione.

.

“A Thonyor, MSF ha esaminato 322 bambini di cui il 4,9% sono risultati gravemente malnutriti. La situazione è particolarmente preoccupante a Kak, dove il 5,6% dei 515 bambini sottoposti a screening sono gravemente malnutriti”, spiega Federica Nogarotto, direttore supporto alle operazioni di MSF Italia. “Questi bambini hanno urgente bisogno di cure mediche e nutrizionali costanti. Senza assistenza alimentare, loro e molti altri probabilmente non sopravvivranno”.

Nonostante gli elevati bisogni umanitari, nelle zone più colpite – nel sud dello Stato di Unity – non c’è stata una presenza costante e adeguata delle agenzie umanitarie. L’insicurezza costante ha costretto MSF e altre agenzie a evacuare più volte dalla Contea di Leer nel corso dell’anno. Vi è un urgente bisogno di una forte azione umanitaria nel sud dello Stato di Unity per questo MSF sta aumentando la propria risposta medica ed è attualmente l’unico attore umanitario con una presenza costante sul terreno.

.

Nel mese di aprile 2015, a seguito di una recrudescenza degli scontri, migliaia di civili sono stati costretti a fuggire nella boscaglia circostante, paludi o nel Centro per la Protezione dei Civili (PoC) delle Nazioni Unite a Bentiu. Oggi quasi 600.000 persone sono sfollate nello Stato di Unity. La popolazione del PoC di Bentiu è passata da circa 45.000 persone a maggio 2015, a circa 106.000 a novembre.

.

Nemmeno il personale e le strutture di MSF sono stati risparmiati dagli attacchi: sono cinque i membri dello staff di MSF uccisi quest’anno.  “La popolazione ha urgente bisogno di essere protetta, perché soffre immensamente a causa dei combattimenti di cui è vittima. Allo stesso modo chiediamo il rispetto delle strutture mediche e del personale sanitario”, aggiunge Federica Nogarotto.

Il Sud Sudan rappresenta oggi la più grande missione di MSF, con più di 2.900 persone di staff nazionale e più di 300 operatori internazionali che rispondono a una vasta gamma di emergenze mediche che vanno dal trattamento dei feriti di guerra e delle vittime di violenza, alla malnutrizione, alla malaria, al colera e al kala azar. MSF fornisce assistenza sanitaria gratuita e di alta qualità attraverso 18 progetti in sette dei 10 stati del paese e nella zona amministrativa speciale di Abyei. (Comunicato Stampa)

photo credit: Medici Senza Frontiere

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close