Spesa quanto mi costi, prezzi mai così alti dal 1984

foto da pixabay.com

Se anche i prezzi dell’energia hanno avuto un piccolo rallentamento nel mese di luglio, l’inflazione continua a salire (è arrivata a livelli che non si vedevano dal 1996) e si estende ad altri settori. Il risultato di tutto questo è che i prezzi stanno subendo una vera impennata, anche quelli relativi al cosiddetto ‘carrello della spesa’. Il dato è arrivato a un +9,1%, registrando un aumento che non si osservava da settembre 1984. È quanto rileva l’Istat nel commento ai dati provvisori di luglio 2022 su prezzi al consumo.

LEGGI ANCHE: Carrello della spesa sempre più caro: ecco le conseguenze dell’inflazione

CRESCONO PREZZI DI ALIMENTI, BENI E SERVIZI

Il rallentamento dei prezzi dei beni energetici che si registra a luglio non frena l’onda lunga delle tensioni inflazionistiche che si stanno diffondendo agli altri comparti merceologici. Infatti, la crescita dei prezzi degli Alimentari lavorati, dei Beni durevoli e non, dei Servizi relativi ai trasporti e dei Servizi vari accelera, spingendo l’inflazione al netto degli energetici e degli alimentari freschi (componente di fondo; +4,1%) e quella al netto dei soli beni energetici (+4,7%) a livelli che non si vedevano, rispettivamente, da giugno e maggio 1996. (Agenzia DIRE)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close