Somalia, conclusi 60 progetti di solidarietà dal contingente italiano

mogadiscio militari italiani

(foto difesa.it)

(difesa.it) – A Mogadiscio, nei giorni scorsi, i militari italiani della missione EUTM Somalia hanno concluso i lavori di una nuova ala dell’ambulatorio destinata all’assistenza pre/post parto. Con quest’opera sono sessanta i progetti realizzati, in circa 2 anni, dalla cooperazione civile-militare italiana (CIMIC) in Somalia.

I progetti CIMIC hanno lo scopo di migliorare le condizioni di vita della popolazione locale nei settori dell’educazione, della salute, dell’alimentazione, della sicurezza ma anche dello sport, della cultura e della tutela delle minoranze.

In questi anni sono stati costruiti pozzi, consegnati serbatoi per l’acqua, abbeveratoi per il bestiame e veicoli per il trasporto nei villaggi rurali, donati medicinali e Food Kits per i fabbisogni primari, inaugurati ambulatori e centri specializzati per i bambini e le loro madri, tutto grazie ai militari italiani e al contribuito di associazioni come la Croce Rossa Italiana, l’ACISMOM (Associazione dei Cavalieri Italiani del Sovrano Militare Ordine di Malta) e l’organizzazione non governativa italiana Perigeo.

militari italiani mogadiscio somalia
(foto: difesa.it)

L’Italia è impegnata, con un contingente di 100 militari, nella missione European Union Training Mission Somalia(EUTM-S), di cui dal febbraio 2014 ha la leadership, per la salvaguardia della pace e della stabilità del Paese e sostiene con opere di solidarietà la popolazione.

«Sono colpito dalla vicinanza del popolo Somalo all’Italia e alla sua cultura, e dal fatto che alcuni di loro parlino ancora la nostra lingua – ha sottolineato l’attuale Comandante, il Generale Antonio Maggi, durante la cerimonia per il suo insediamento nel marzo 2015 – Questa gente ha bisogno di pace e merita un futuro migliore».

L’Italia partecipa a diverse missioni nazionali e internazionali in Africa e con circa 600 militari impiegati, è la Nazione, a livello europeo, che contribuisce maggiormente alla formazione delle forze di sicurezza locali responsabili della sicurezza nel Paese, e alla realizzazione di progetti per il miglioramento delle condizioni di vita del popolo africano. (difesa.it)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close