Siria: altre 5 persone morte di fame a Madaya

madaya

MADAYANella città assediata di Madaya, nel Governatorato del Rif di Damasco in Siria, i medici supportati da MSF confermano che ieri, domenica 10 gennaio, 5 persone sono morte di fame, tra loro un bambino di 9 anni e 4 uomini con più di 45 anni. 10 pazienti hanno bisogno di ospedalizzazione urgente per malnutrizione acuta. 200 pazienti affamati potrebbero diventare critici e aver bisogno di ospedalizzazione entro questa settimana se gli aiuti non arriveranno in tempo.

A Madaya i medici non mangiano nulla da una settimana. Sono stanchi, deboli mentre il numero di pazienti malati aumenta. Loro, come tutti a Madaya, sono disperati.

In questa zona montuosa,inoltre, le temperature sotto zero attuali peggiorano gravemente le condizioni, soprattutto dei pazienti malati che sono meno in grado di recuperare al freddo. Il combustibile per il riscaldamneto deve essere incluso negli aiuti umanitari: le persone che cercano di raccolgiere legna da ardere rischiano di essere colpiti dagli spari o di saltare in aria sulle mine.

Una distribuzione una-tantum non mitigherà i problemi nei mesi a venire. MSF continua a chiedere l’evacuazione urgente dei pazienti malati verso un posto sicuro dove essere curati e l’accesso immediato e senza impedimenti delle forniture mediche salva-vita per la popolazione civile a Madaya. È l’unico modo per uscire da una situazione ormai catastrofica. (Medici Senza Frontiere)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close