Reggio Calabria: minacce a giornalista Alessia Candito, disposta tutela

Alessia Candito

Alessia Candito

REGGIO CALABRIA – Si chiama Alessia Candito ed è una giornalista calabrese. Di quelle che sanno come si fa questo mestiere. Che scrive di affari sporchi, di ndrangheta, di malapolitica. Racconta un territorio, quello reggino in particolare, dove il confine tra il lecito e l’illecito è sempre più sottile, dove i legami e certe conoscenze possono diventare pericolose. Un sistema, quello della criminalità organizzata calabrese, che ha varcato ormai da tempo i confini della regione. E Alessia se ne era accorta, tanto da pubblicare un libro, “Chi comanda Milano”, sugli intrecci politico-mafiosi nel capoluogo Lombardo.

Oggi, la Questura di Reggio Calabria ha adottato una serie di misure di vigilanza per tutelare lei e la sua famiglia. Lo ha comunicato la redazione del Corriere della Calabria, spiegando che “la decisione si è resa necessaria dopo una serie di minacce ricevute dalla giornalista in relazione ad alcuni servizi pubblicati” sulla testata online.

Alessia Candito, in seguito ad alcuni articoli, ha infatti ricevuto delle email inviate da un ex pentito. L’uomo, che risulta irreperibile, evidentemente non avrebbe gradito i fatti riportati dalla giornalista. La Procura di Reggio Calabria ha così posto sotto sequestro la corrispondenza elettronica, riservata anche al direttore, Paolo Pollichieni.

“La tutela assegnata ad Alessia Candito – spiegano dal Corriere della Calabria – è legata, tuttavia, anche a un’inchiesta dell’antimafia di Reggio Calabria sui clan di Archi e al loro tentativo di riproporre la propria supremazia criminale in città, tentativo che si è manifestato nel corso dell’estate con sgradite presenze a fare da contorno alla movida reggina”.

Il nome di Alessia Candito si aggiunge, dunque, al lungo elenco di giornalisti per i quali sono state disposte misure di tutela. Perché la verità ha un prezzo. E di solito non corrisponde a quello che ti pagano per raccontarla.

La redazione di wereporter.it esprime  totale vicinanza e sincera solidarietà ad Alessia Candito e alla sua famiglia.

Francesca Caiazzo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close