Povertà, il Veneto rifinanzia il Reddito di inclusione attiva

VENEZIA – Anche per il 2016 la Regione Veneto darà continuità alla misura sperimentale anti-povertà denominata “reddito di inclusione attiva”. Con la delibera pubblicata sul Bollettino ufficiale regionale di martedì 19 gennaio, 61 comuni del Veneto, tra cui i sette capoluoghi di provincia, si vedono assegnare 1 milione e 800 mila euro del fondo sociale per finanziare interventi di reinserimento sociale e lavorativo. “Diamo così prosecuzione ai progetti di sostegno attivo e di reinserimento avviati in via sperimentale a Rovigo e dal 2014 estesi agli altri sei capoluoghi di provincia”, ha dichiarato l’assessore al sociale Manuela Lanzarin.

Lo scorso anno nei sette capoluoghi del Veneto quasi 500 persone hanno beneficiato di questa forma di sostegno economico erogata sulla base di progetti che hanno coinvolto i servizi sociali dei Comuni, i servizi per le dipendenze e la salute mentale, organizzazioni non profit e cooperative, sindacati e organizzazioni datoriali. I progetti, rivolti prioritariamente  a ultra 55enni disoccupati o a persone che per patologie, scarsa formazione o gravi situazioni di svantaggio sono escluse dal mondo del lavoro, per il 45 per cento dei casi si sono tradotti in un reddito di inserimento corrisposto in cambio di una prestazione lavorativa, mentre per il 55 per cento dei casi hanno previsto forme di sostegno economico in cambio di un impegno sociale. L’investimento del fondo sociale regionale è stato pari a un milione e mezzo di euro.

“Nel programmare la distribuzione delle risorse 2015 del Fondo sociale – sottolinea Manuela Lanzarin – abbiamo voluto privilegiare questa misura anti-povertà allargando i contributi a sostegno delle iniziative dei comuni e del privato sociale che, come rilevato dal tavolo di monitoraggio regionale, si sono dimostrate efficaci nel contrasto all’esclusione sociale. Il reddito di inclusione attiva non è un mero sussidio assistenziale, ma una misura di reinserimento che presuppone il lavoro di rete tra i servizi e la compartecipazione finanziaria al progetto da parte degli enti coinvolti”. Il reddito di inclusione attiva, oltre che nei sette capoluoghi di provincia, è in corso di sperimentazione in 3 comuni veneziani, 10 padovani, 4 bellunesi, 14 vicentini e 23 veronesi. (Redattore Sociale)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close