Nigeria, liberate 82 studentesse rapite tre anni fa da Boko Haram

ragazze rapite da Boko Haram

ROMA – Sono state liberate 82 delle oltre 200 ragazze nigeriane rapite tre anni fa da Boko Haram da una scuola a Chibok: sono state rilasciate ieri dai terroristi islamici dopo negoziati con il governo federale in cambio del rilascio di alcuni sospetti militanti islamici detenuti. Furono rapite la notte del 14 aprile 2014 dal dormitorio dell’istituto femminile che frequentavano. In seguito al rapimento un gruppo di militari e di esperti di Stati Uniti e Regno Unito è stato inviato in Nigeria per assistere la polizia locale nella ricerca ed è partita la campagna “#BringBackOurGirls”.

Su Twitter e Facebook si susseguono i messaggi di soddisfazione: “Grande gioia per 82 studentesse liberate in #Nigeria. Il terrore può essere sconfitto. Ora liberazione di tutte le altre!, scrive il ministro degli Esteri Angelino Alfano. “Che gioia apprendere qui in Nigeria la liberazione delle 82 studentesse rapite tre anni fa da Boko Haram! Queste ragazze sono state portate via dalla loro scuola, durante una lezione. Possiamo solo immaginare quello che avranno dovuto subire durante questi anni di prigionia”. Cosi la presidente della Camera Laura Boldrini, che aggiunge: “Il loro percorso di reinserimento sarà lungo e difficile ma mi auguro che potranno tornare a vivere una vita normale”. “Il terrorismo islamista, in tutte le sue versioni, colpisce ovunque nel mondo, non solo in Europa. Dappertutto vuole imporre il suo dominio e le sue idee oscurantiste. Odia la libertà, la cultura e odia le donne. È una minaccia globale e c’e’ bisogno di una reazione globale. Solo cosi’ sara’ sconfitto. Ora – conclude Boldrini – non dimentichiamoci delle altre ragazze nelle mani dei terroristi”. (Agenzia Redattore Sociale)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close