Morti in mare, Emergency e Moas insieme per il soccorso dei migranti

morti mediterraneo

ROMA – Partita ieri dal porto di Malta, a bordo della Topaz Responder, la missione congiunta di Emergency e Migrant Offshore Aid Station (MOAS) per la ricerca e il salvataggio dei migranti in mare sul confine più pericoloso al mondo: il mar Mediterraneo. Sono già oltre 2.000 le persone morte nei primi mesi del 2016 nel tentativo di raggiungere l’Europa.. Per questo le due organizzazioni hanno deciso di lanciare l’iniziativa.

A bordo della Topaz Responder, Emergency garantirà tutta l’assistenza post salvataggio, in particolare offrendo cure mediche e mediazione culturale ai migranti che ne avranno bisogno. Lo staff dell’ong sarà composto da 6 persone tra medici, mediatori culturali, infermieri, logisti. La Topaz Responder è lunga 52 metri, ha due gommoni di salvataggio ad alta velocità, un equipaggio di 20 persone altamente specializzate tra personale di ricerca e soccorso, dottori e infermieri e un ambulatorio medico equipaggiato per garantire salvataggio in mare e cure ai migranti salvati.

“Nessuno merita di morire in mare, tuttavia, l’ultimo mese ha registrato uno dei record peggiori con più di 1.000 persone morte nel Mediterraneo. Centinaia continueranno a morire a meno di non aumentare gli sforzi per la ricerca e il salvataggio in mare”, ha detto il fondatore del Moas Christopher Catrambone. “I nostri partner a bordo assicureranno un’eccellente assistenza post salvataggio per i migranti che abbiano già subito traumi importanti”. Finora il Migrant Offshore Aid Station ha salvato la vita di oltre 13.000 persone.

“Emergency  lavora da oltre vent’anni in Paesi distrutti dalla guerra e dalla povertà: conosciamo bene quello da cui scappa chi prende una barca per cercare di raggiungere l’Europa”, sottolinea la presidente di Emergency Cecilia Strada. “Da due anni lavoriamo anche nei porti siciliani, per assistere chi sbarca, e da oggi siamo felici di poter portare la nostra esperienza anche in mezzo al mare, insieme al Moas”. Finora Emergency ha assistito oltre 20 mila migranti sbarcati in Sicilia, con i suoi team impiegati agli sbarchi a Pozzallo, Augusta e Siracusa. (Agenzia Redattore Sociale)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close