Mortalità materna, in Italia 50 casi l’anno

mortalità materna

ROMA – In Italia si registrano 50 morti materne l’anno, pari a 10 decessi ogni 100mila nascite, con una forte variabilità regionale compresa tra 5 morti in Toscana e 13 in Campania. I dati emergono da un sistema di sorveglianza attiva della mortalità materna che, coordinato dall’Istituto superiore di sanità e finanziato dal ministero della Salute, monitora il fenomeno in 8 regioni (Lombardia, Piemonte, Emilia-Romagna, Toscana, Lazio, Campania Puglia e Sicilia) coprendo il 73% dei nati nel Paese. “Le stime- fanno sapere gli esperti- confermano che l’Italia è tra i Paesi con la più bassa mortalità materna al mondo sovrapponibile a quella rilevata, attraverso analoghi sistemi di sorveglianza, nel Regno Unito e in Francia”.

In Piemonte, Emilia-Romagna, Lazio e Sicilia, fanno sapere ancora gli esperti, il tasso di mortalità materna “è due volte più elevato tra le donne con un basso livello di istruzione rispetto a quelle con un titolo di studio superiore”. Tra le principali cause di morte materna da complicazione ostetrica diretta, quindi, ci sono “emorragie (52%), disturbi ipertensivi (19%) e tromboembolismo (10%). Mentre le principali cause di morti indirette – aggiungono ancora – sono rappresentate da disturbi cardiovascolari (36%), disturbi cerebrovascolari (21%) e neoplasie (14%). Il suicidio, infine, è risultato responsabile del 12% del totale delle morti materne nella sorveglianza italiana”.

Il ministero della Salute, intanto, ha ritenuto prioritario dotarsi “di un sistema di sorveglianza in grado di rilevare e valutare ogni morte materna- si legge sul sito del dicastero- attraverso indagini confidenziali per identificare eventuali criticità assistenziali o organizzative suscettibili di miglioramento e per ridurre i decessi evitabili stimati pari al 50% nei Paesi socialmente avanzati. Per questo motivo il sistema, grazie al coordinamento dell’Iss, prevede anche la produzione di linee guida e raccomandazioni per la pratica clinica oltre ad attività di ricerca e aggiornamento continuo dei professionisti”. (DIRE)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close