Milano, cani in gabbia e al buio: sequestrato allevamento lager

Guardie eco-zoofile sequestrano allevamento lager

VIGNATE (MI) – A seguito di una segnalazione le guardie zoofile OIPA hanno effettuato un controllo presso un’abitazione privata di Vignate (MI) all’interno della quale erano detenuti sette cani a scopo di riproduzione e vendita dei cuccioli.

Lo scenario che si è presentato alle guardie era davvero grave: un boxer maschio adulto era detenuto in un serraglio nel giardino, tra i suoi escrementi, privo di acqua e di un giaciglio adeguato a ripararlo dal freddo. Nel box per auto, completamente al buio, erano rinchiusi altri sei cani. L’aria all’interno del locale, sprovvisto di sistema di ricambio dell’aria, era resa irrespirabile dal fortissimo odore di feci e urina.

Tre femmine di boxer erano detenute in piccole gabbie coperte da un telo oscurante, sprovviste di giaciglio e piene di feci; una femmina di boxer si trovava all’interno di un piccolo recinto sporco adibito a “nursery”; una cucciola di labrador era all’interno di una piccola gabbia completamente oscurata da teli e cartone e una cucciola di maltese era rinchiusa all’interno di un piccolo trasportino. Gli animali erano molto agitati ed esibivano comportamenti stereotipati, come muoversi continuamente da un lato all’altro delle gabbie.

Guarda il video

Nessun cane aveva acqua a disposizione, tanto che una volta liberati dalle gabbie tutti si precipitavano a bere con foga e a lungo. Dalle informazioni fornite dal proprietario è infatti emerso che agli animali veniva concesso bere solo una volta al giorno e dallo stato di sporcizia delle gabbie è apparso evidente che non venivano pulite da molto tempo. Gli animali erano destinati alla riproduzione in quanto il lager appena descritto risultava essere un allevamento amatoriale regolarmente iscritto all’Enci.

Nessuna passeggiata all’esterno per loro, ma prima delle esposizioni venivano forzatamente posti su un tapis roulant apposito, sul quale, legati al collo con una corda corta, erano costretti a correre per mantenersi “tonici”.

“Dalle condizioni in cui li deteneva e dalla completa mancanza di consapevolezza della gravità della situazione è parso evidente che l’allevatore considerasse i cani come strumenti utili a uno scopo, quello di fare cuccioli da vendere – spiega il nucleo di guardie zoofile OIPA di Milano e provincia– Poco importa che fossero esseri viventi e senzienti che stavano letteralmente impazzendo di sete e stress per le condizioni vergognose in cui erano costretti da mesi”.
Tutti i cani sono stati posti sotto sequestro e immediatamente trasferiti presso il canile convenzionato e il proprietario è stato denunciato per detenzione non idonea e maltrattamento di animali. (OIPA)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close