“Mi piacciono le giornaliste che si inginocchiano”

BELGRADO – Bufera a Belgrado sul ministro della Difesa Bratislav Gasic, autore di una infelice e pesante gaffe sessista ai danni di una giornalista. “Mi piacciono le giornaliste che si inginocchiano così facilmente”:questa la frase dalla chiara allusione sessuale pronunciata dal ministro ieri nel corso di una visita a uno stabilimento che produce per il settore militare, situato a Trstenik, nel sud del Paese.
L’episodio è avvenuto quando, dopo la visita, il ministro si è avvicinato a un gruppo di reporter e cineoperatori che attendevano le sue dichiarazioni alla stampa.
Alcuni di loro, compresa una giornalista dell’emittente privata B92, erano accovacciati, per non mettersi davanti alle telecamere. Ed è stato allora che Gasic, rivolto alla giornalista di B92, ha pronunciato la frase incriminata, sentita e registrata da tutti e subito postata sulla rete, compreso YouTube. Le reazioni e le condanne non si sono fatte attendere.
Sdegno è stato espresso da tutto il mondo politico, dalle associazioni di difesa dei diritti umani, dalle associazioni dei giornalisti, che hanno chiesto a gran voce le dimissioni del ministro. A nulla sono servite le scuse di Gasic giunte nella tarda serata di ieri, con il ministro che ha ammesso il suo “comportamento vergognoso e scandaloso”.Il ministro ha telefonato personalmente alla giornalista per chiederle scusa. Ma sembra che per lui le conseguenze siano pesanti.
Il premier Aleksandar Vucic si è detto “scioccato” per la frase sessista, un comportamento che ha definito “vergognoso e inammissibile” e per il quale “non esistono scuse”. Vucic ha, quindi, annunciato che destituirà il ministro della Difesa, non nuovo, peraltro, a gaffe e incidenti spiacevoli con i giornalisti. (Ansa)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close