L’Aquila, volontari a lavoro per ricreare la vita di comunità

L’AQUILARicreare la vita di comunità. È l’obiettivo del progetto “Interventi integrativi della domiciliarità”, promosso dal comune dell’Aquila a partire dal 2014, e realizzato da Auser (capofila) e altre 5 associazioni del territorio nell’ambito della Rete locale per i servizi di prossimità costituita dall’amministrazione. “Il progetto si rivolge alle famiglie ad alto rischio di emarginazione e di esclusione sociale che abitano in zone degradate e prive di servizi e che, al disagio, cumulano anche le difficoltà economiche”, spiega Carlo Salustro di Auser. I beneficiari degli interventi sono stati, in particolare, anziani e donne sole con minori che vivono, dal 2009, nei Moduli abitativi provvisori (Map) e nei Complessi antisismici sostenibili ed ecocompatibili (Progetto Case). “A causa del sisma, le piccole attività commerciali e artigianali di quartiere hanno subito un tracollo, alcuni hanno perso i locali mentre in tanti i clienti, che erano i vicini di casa – spiega Salustro – . Le persone, infatti, sono state trasferite nei Map o nel progetto Case, insediamenti intorno alla città ma lontane con il conseguente disagio economico, psicologico e sociale”. Sono 19 le famiglie che hanno ricevuto sostegno da parte dei volontari, per un totale di 57 persone, 7 le famiglie che hanno evitato lo sfratto. Dieci i volontari Auser che hanno coordinato e gestito le attività, 2 i tirocinanti della facoltà di psicologia che hanno partecipato al progetto insieme ad alcuni ragazzi in servizio civile. Attualmente interrotto, il progetto dovrebbe ripartire a breve, “vogliamo migliorarlo, raggiungere un numero maggiore di persone e calibrare gli interventi sui bisogni effettivi”, afferma Salustro.

Sostegno economico, supporto empatico, aiuto domiciliare, collaborazione nel rapporto con i bambini. Sono alcuni degli interventi realizzati con il progetto “Interventi integrativi della domiciliarità”. Il metodo di lavoro prevede un primo incontro tra la persona e una equipe del progetto composta da uno psicologo e da un educatore dell’Auser. In quest’occasione si valutano i bisogni e si predispone un piano di prestazioni individuali, spesso domiciliari. Nei casi di difficoltà economica viene anche fatto un programma di aiuti alimentari, pagamento di utenze o affitto, acquisto di vestiario per i bambini. Inoltre, i volontari dell’Auser si occupano di impegnare i minori in attività ludiche e ricreative, di coinvolgere i disoccupati di lunga durata in iniziative di orientamento alla ricerca di un nuovo lavoro e di offrire supporto alle persone anziane nelle loro abitazioni. “Nel caso di un anziano solo, che viveva solo con la pensione di invalidità e senza riscaldamento, siamo intervenuti facendo la spesa – racconta Salustro – in un altro, una signora sola che aveva subito l’amputazione di una gamba e aveva bambini piccoli ha ricevuto aiuto in particolare con attività ricreative per i bambini”.

I casi sono tutti molto diversi tra loro ma l’obiettivo è stato sempre quello di “non farli sentire dipendenti né da noi né dal comune”, conclude Salustro. Il progetto “Interventi integrativi della domiciliarità” è una delle buone pratiche raccolte nel volume “Il saper fare, viaggio nell’Italia della solidarietà, le buone pratiche dell’Auser” che sarà presentato il 20 gennaio a Roma presso la Cgil nazionale (sala Di Vittorio) in un incontro in cui saranno gli stessi volontari a raccontare la loro esperienza. (Redattore Sociale)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close