Laboratori, storie, cura dell’orto: un successo le “lezioni” dei nonni volontari

MILANO – Per due anni hanno tenuto laboratori, curato l’orto, raccontato storie ai bambini: è tempo di bilanci per il progetto “Arrivano i nonni” promosso da Arci Milano e Terna. Ha coinvolto 19 anziani, 20 scuole e quasi 2mila bambini. Attraverso la Sda Bocconi è stato valutato l’impatto del progetto sui beneficiari. E i risultati sono positivi: sia per i nonni (il 71% dichiara di aver visto valorizzate le proprie competenze), sia per le educatrici che si sono sentite aiutate e sostenute. Ma soprattutto per i bambini il cui parere è stato raccolto attraverso un focus group, in ognuno dei due anni, condotto da una psicologa con la tecnica della narrazione: hanno individuato nei nonni delle figure di riferimento positivo, di cui conservano un ricordo chiaro, di cui ripetono l’esempio e di cui parlano anche nel contesto familiare. Si è cercato così di verificare i risultati di un progetto che a prima vista non può che riscuotere simpatia e che si è rivelato anche utile. La cura dell’orto e la costruzione di piccoli attrezzi da giardinaggio, l’apprendimento delle lingue, il riciclo creativo degli oggetti, la raccolta differenziata, le danze di gruppo e la pittura: queste alcune delle attività proposte dai nonni. Ogni laboratorio, della durata di 2 ore, si è svolto con cadenza settimanale su tutto l’arco dell’anno scolastico, per un totale di 80 ore all’anno. I nonni hanno lavorato su più classi e su diverse scuole.

Dalla ricerca sono emersi anche i punti critici: “La visibilità del progetto, che essendo scarsa non ha permesso di raggiungere un numero significativo di nonni – si legge nel comunicato stampa della Fondazione Sodalitas, tra i promotori del progetto -; il suo ‘isolamento’ rispetto alle altre iniziative che, con obiettivi simili, vengono portate avanti sul territorio; il coinvolgimento di nuovi partner in grado di fornire supporto al progetto non solo economico, ma anche di competenze”.

“Arrivano i nonni” è un progetto che ha una lunga storia. Nato nel 2002 su iniziativa di Arci Ragazzi, è stato rilanciato nel 2011 da Arci Milano per valorizzare l’invecchiamento attivo a beneficio dei bambini delle scuole d’infanzia del Comune di Milano attraverso l’inserimento nelle classi della figura del “nonno volontario”, cui affidare l’organizzazione e la gestione di laboratori tematici. Nell’ambito dell’edizione 2013 di Sodalitas Social Innovation – il programma promosso da Fondazione Sodalitas per migliorare la capacità progettuale delle organizzazioni del Terzo settore e favorire l’avvio di nuove partnership profit-nonprofit – Terna ha deciso di sposare l’iniziativa e di avviare con Arci Milano una partnership biennale finalizzata sia a realizzare il progetto sul territorio che a valutarne l’impatto. (Redattore Sociale)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close