Indagato per estorsione Pino Maniaci

pino maniaci

PALERMO – Divieto di dimora nelle province di Palermo e Trapani per Giuseppe Maniaci, il direttore dell’emittente televisiva Telejato di Partinico (Palermo), indagato per estorsione. Il provvedimento, che gli è stato notificato questamattina, è stato emesso dal gip del tribunale di Palermo Fernando Sestito su richiesta dei sostituti procuratori Francesco Del Bene, Amelia Luise, Annamaria Picozzi, Roberto Tartaglia e dal procuratore aggiunto Vittorio Teresi, che coordinano l’inchiesta.
Maniaci, ritenuto da molti un “paladino dell’antimafia”, per le sue battaglie condotte nei suoi tg contro la mafia, ha sempre respinto le accuse, affermando che l’inchiesta è una “vendetta” della Procura nei suoi confronti.
Secondo l’accusa, Maniaci, avrebbe chiesto e ottenuto dal sindaco di Partinico Salvatore Lo Biundo anche un’assunzione per un’amica. Come ha ammesso lo stesso primo cittadino interrogato dai pm. Maniaci avrebbe imposto l’assunzione e in cambio avrebbe assunto una linea più “morbida” nei suoi tg nei confronti degli amministratori locali.
Con i suoi interlocutori, Maniaci si definiva “una potenza”, al punto da essere convinto di potere “mandare a casa” il sindaco se quest’ultimo “se non si mette le corna a posto”, vantandosi di attaccarlo in tv. Non solo. Non lesinava insulti neppure al presidente del Consiglio Matteo Renzi, che lo aveva chiamato al telefono per esprimergli la sua solidarietà per le presunte minacce ricevute.
Maniaci è stato incastrato dalle intercettazioni telefoniche e ambientali registrate dagli investigatori. Quando lo chiamò Renzi, nel dicembre del 2014, dicendogli “Pino, vienimi a trovare”, Maniaci telefonò subito dopo a un’amica e disse: “Tutti in fibrillazione sono, mi ha telefonato anche quello str…. di Renzi”.
In realtà, si scopre adesso, non erano minacce di Cosa nostra. Ad uccidere i cani di famiglia non era stata la mafia, ma, come dicono gli inquirenti, il marito della sua amante. Quella volta, Maniaci ricevette la solidarietà di numerosi esponenti politici, tra cui Claudio Fava, vicepresidente della Commissione antimafia che lo andò persino a trovare a Partinico. (Adnkronos)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close