In 5 mila ad Assisi sui passi di papa Francesco “per abbattere i muri”

Papa Francesco

PERUGIA“Il Papa a Lesbo, noi 5000 ad Assisi sui passi di Francesco”. Esordiscono così, i frati del Sacro convento di Assisi, per spiegare le giornate del 15 e 16 aprile: “Il Santo Padre andrà nella piccola isola greca insieme al Patriarca Bartolomeo in solidarietà ai profughi e per l’abbattimento dei muri. Negli stessi giorni ad Assisi oltre cinquemila giovani studenti e insegnanti di tutt’Italia s’incontreranno, sui passi del santo, per dare vita ad un grande laboratorio di pace. E sabato ci sarà una marcia silenziosa da Santa Maria degli Angeli ad Assisi, per trasmettere la vicinanza  a chi è vittima di guerre e ingiustizie della povertà”.

Il “Meeting nazionale delle scuole per la pace, la fraternità e il dialogo” porterà alla luce il prezioso lavoro di centinaia di scuole, enti locali e associazioni impegnati ad educare le giovani generazioni ad una cittadinanza responsabile. “Un incontro di una scuola fatta di insegnanti e dirigenti scolastici che credono in quello che fanno – dicono i promotori dell’iniziativa – che cercano costantemente di innalzare la qualità dell’educazione dei propri studenti, di innovare i percorsi didattici all’insegna dell’educazione alla cittadinanza, alla responsabilità e alla pace, di aprire le aule al territorio e al mondo che le circonda”. Al centro del Meeting il dramma delle guerre, delle migrazioni, del terrorismo, della violenza e dei cambiamenti climatici. Ma anche la paura, la rassegnazione e l’indifferenza. Durante l’incontro verrà ricordata la figura di Giulio Regeni e la “comunità educante” di cui è figlio.

“Dove c’è un’Europa che balbetta c’è un Francesco che parla chiaro – dice il direttore della sala stampa del Sacro Convento di Assisi, padre Enzo Fortunato -, dove c’è un’Europa che è ferma c’è un Francesco che s’impegna, dove c’è un’Europa che costruisce muri c’è un Francesco che li abbatte. In comunione con il Papa, che in quei giorni sarà a Lesbo tra i migranti, ad Assisi gli studenti di tutta Italia si incontreranno per sottolineare l’importanza dell’accoglienza e dell’abbraccio a chi una patria la sogna e la desidera”.  Sono 90 le città e 53 le province coinvolte, centinaia i percorsi didattici, dibattiti e attività che punteranno a generare percorsi di pace e dialogo.

Il Meeting si svolge a 30 anni dallo “Spirito di Assisi” (27 ottobre 1986), a 30 anni dalla costituzione del Coordinamento nazionale degli enti locali per la pace e i diritti umani (12 ottobre 1986), a 20 anni dalla costituzione della Tavola della pace (13 gennaio 1996), in preparazione della Marcia PerugiAssisi della pace e della fraternità del 9 ottobre 2016.

Il Meeting di Assisi è “il frutto di un’originale alleanza educativa”, tengono a dire i promotori, che vede la collaborazione di scuole, famiglie, enti locali e regioni, il ministero dell’Istruzione, la Tavola della pace, le famiglie francescane di Assisi, i giornalisti e numerose altre associazioni. (Agenzia Redattore Sociale)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close