Grosseto, nove disabili a lezioni di arti marziali

disabili arti marziali

GROSSETO Nove ragazzi che frequentano il centro diurno per disabili Il Girasole di Grosseto, ogni martedì mattina si dedicheranno alle arti marziali. Grazie alla disponibilità dell’associazione sportiva dilettantistica I Samurai – Kgr, infatti, gli utenti del Girasole potranno praticare, gratuitamente, attività motoria di base che prende spunto dalle tecniche delle arti marziali, sotto la supervisione di Mirio Mannini, allenatore e presidente dell’associazione.

La collaborazione tra il Coeso Società della Salute e I Samurai Kgr va avanti ormai dai cinque anni – spiega Monica Ciacci, educatore di comunità, referente del centro per disabili – grazie alla generosità di Mannini e dei suoi assistenti”. Per le persone diversamente abili praticare sport con continuità è molto importante: “Ovviamente non tutti i nostri utenti possono affrontare lo stesso tipo di allenamento ed è per questo che le attività da svolgere sono individuate attraverso un progetto personalizzato messo a punto da varie professionalità”, continuano gli operatori.

Lavorare con il proprio corpo è un modo per mantenere o recuperare la abilità fisiche e, inoltre, dà la possibilità di promuovere la socializzazione e l’integrazione con la comunità. Grazie all’associazione I Samurai – Kgr, i ragazzi del Girasole hanno avuto l’opportunità, negli anni, di partecipare a manifestazioni ed eventi sportivi (come le Feste dello sport promosse dalla Uisp, il Martial day e l’allenamento Giovani guerrieri a Porto Santo Stefano), entrando così in contatto con altri ragazzi e atleti.

I nove ragazzi (cinque donne e quattro uomini), che ogni settimana frequentano la palestra di via Tito Speri a Grosseto sono impegnati in attività sportive, di base e giochi individuali o di gruppo, calibrati sulle base delle condizioni e competenze di ognuno. I tecnici e gli allenatori dell’associazione I Samurai, infatti, sono abilitati dal corso “Diversabilità e karate”, promosso dalla Fijlkam in collaborazione con la facoltà di Scienza motorie dell’Università di Firenze.

“La disponibilità e la collaborazione con le associazioni e altri soggetti privati del territorio – afferma la responsabile dei servizi sociali Renza Capaccioli – permettono ai servizi sociali di mettere in atto molti progetti, utilissimi per i nostri assistiti, che vanno oltre i livelli essenziali di assistenza garantiti”. “A loro – conclude Capaccioli – va il nostro ringraziamento”. (Il Girasole)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close