Gratteri: “Legalizzazione droghe leggere non impoverisce mafie”

“Sono contrario alla legalizzazione delle droghe leggere perché non risolve tanti problemi dei quali si parla “: lo ha detto Nicola Gratteri, procuratore della repubblica di Catanzaro, a margine di un convegno a Siena organizzato questo pomeriggio da Libera.

“Si dice che legalizzandola”, ha proseguito il magistrato, “si allontanano i giovani dalle mafie. Non riesco a capire come, visto che le mafie diversificano la vendita delle droghe nelle piazze che controllano. L’organizzazione criminale vende eroina, cocaina, hashish, ectasy. Anche liberalizzando marijuana e hashish, restano le altre. Si dice che legalizzando le droghe si guadagnerebbero 4,5 milioni di euro, ma non si dice quando si spenderebbe per la disintossicazione”.

“Si dice che la marijuana non fa male”, ha ricordato Gratteri, “invece fa ridurre lo spessore delle cortecce cerebrali e fa perdere la memoria. E crea dipendenza. Quando si va nei centri di accoglienza per la disintossicazione, i ragazzi piangendo mi dicono: faccia di tutto per non fare passare questa legge, perché noi siamo partiti con le canne. Si dice che legalizzando le droghe si impoveriscono le mafie ma il business della marijuana è minimo rispetto all’incasso dei 46 milioni all’anno provento del traffico di cocaina“. (AGI)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close