Gli italiani vorrebbero più controlli alle frontiere

immigrati frontiere

ROMA –  Come si è aperto il 2016 per gli italiani? Con molta paura del terrorismo, si direbbe leggendo i risultati di un sondaggio dell’istituto Ixè per Agorà (Raitre). E con il desiderio di avere maggiori controlli alle frontiere.

Ad un anno dagli attentati di Charlie Hebdo, il terrorismo di matrice islamica spaventa allo stesso modo un italiano su due (50%). Il 38%, invece, confessa di averne ancora più paura.

il 65% gli italiani teme che nel 2016 possano avvenire attentati (di matrice islamica). Il 32%, al contrario, non ha la stessa preoccupazione.

L’84% degli italiani vorrebbe più controlli alle frontiere, sul modello di Svezia e Danimarca, per arginare l’immigrazione clandestina. Il 14%, invece, non approva le iniziative intraprese dai due Paesi scandinavi.

Il 58% degli italiani ha paura dell’Islam. “La tensione crescente tra Arabia Saudita e Iran e le notizie giunte negli ultimi giorni da Colonia hanno fatto molta impressione e condizionato il giudizio degli intervistati”, ha dichiarato Roberto Weber, presidente Ixè. Il 39%, al contrario, non ha nessun timore nei confronti del mondo islamico.

CALA LA FIDUCIA IN RENZI – Scende di 2 punti rispetto a dicembre (32%) la fiducia in Matteo Renzi. Stessa flessione per la fiducia nel governo, tornata al 29% come due mesi fa. Sempre saldamente in testa, tra i leader politici, Sergio Mattarella al 59% (-2%). Più in alto di tutti Papa Francesco, stabile da settimane al 90%. (DIRE)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close