Gli ammalati invisibili di Roma

Ospedale di Firenze, posti letto per senzatetto

ROMA – Ogni anno a Roma, grazie all’attività su strada dell’associazione Medicina Solidale, vengono assistite gratuitamente oltre 16 mila persone in stato di disagio economico. Di questi il 70% sono donne e il 30% uomini. L’età media è di 25 anniBen il 20% delle persone che si sono rivolte agli ambulatori di strada sono bambini (3200) con un età compresa tra gli 0 e i 15 anni. Un aspetto da evidenziare è anche il fatto che il 60% sono immigrati, mentre il 40% sono italiani (sono in crescita le richieste di aiuto da parte degli italiani in particolare delle famiglie). Sono i dati resi noti da Franco Russo, vicepresidente dell’associazione Medicina Solidale e Lucia Ercoli, vicepresidente e responsabile sanitario dell’associazione Medicina Solidale, intervenuti oggi con un focus sugli ambulatori di strada e la medicina solidale all’incontro su “Scienza e Benessere” presso l’Università di Tor Vergata a Roma.

“Le attività dell’associazione di Medicina Solidale si svolgono principalmente in 4 ambulatori di strada a Tor Bella Monaca, Tormarancia e piazza Caduti della Montagnola in collaborazione con l’Unitalsi e la Fondazione Banco Farmaceutico onlus e in prossimità della casa di detenzione di Regina Coeli in collaborazione con l’associazione Vo.Re.Co (Volontari Regina Coeli) e ultimamente anche sotto il colonnato di Piazza San Pietro”, hanno ricordato i due responsabili. In particolare, per quest’ultima attività è stato fondamentale il sostegno dell’Elemosineria Apostolica della Santa Sede che ha donato i farmaci per curare le persone che si rivolgono agli ambulatori. Da alcuni mesi, sempre l’Elemosineria Apostolica, ha messo a disposizione anche un camper-ambulanza per gli interventi in tutta Roma soprattutto in aree con una forte presenza di stabili occupati (dal Collatino fino a Tor Sapienza). Tutta l’attività dell’associazione “Medicina Solidale” può contare anche sul sostegno della Fondazione Migrantes, della Tavola Valdese e della Fondazione Banco Alimentare onlus che dona agli ambulatori parte del cibo distribuito gratuitamente ai poveri.

“I cittadini italiani e immigrati – hanno spiegato Russo e la Ercoli – che si rivolgono agli ambulatori di strada hanno soprattutto necessità di assistenza medica generale e per quella specialistica ambulatoriale. Grazie alla Fondazione Banco Farmaceutico siamo stati in grado di offrire anche quella farmaceutica. A questo dobbiamo aggiungere anche le richieste di assistenza rivolte alle persone con problemi psichiatrici e alle loro famiglie, alle persone con infezione da Hiv e per le persone anziane non autosufficienti. Ultimamente è stato sviluppato anche il progetto ‘Bimbi in forma’ che ha come obiettivo quello di realizzare laboratori di formazione, educazione alimentare e di animazione per i più piccoli da 0 a 13 anni”.

“Nata 12 anni fa – hanno concluso Russo e la Ercoli – l’associazione ‘Medicina Solidale’ è stata in grado di dare risposte complesse al bisogno di salute delle persone, funzionando come Punto per le Cure Primarie attivo H12 per 5 giorni a settimana. Il Servizio si è posto come struttura assistenziale territoriale a bassa soglia di accesso, ad alta integrazione multi-disciplinare ed interprofessionale in linea con quanto auspicato dal programma Sanitario Nazionale riguardo la realizzazione di Centri per le cure primarie”. (Agenzia Redattore Sociale)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close