Gallelli suicida a San Vittore, caso davanti a Garante detenuti

freddo nel carcere di reggio emilia

MILANO – Il caso di Alessandro Gallelli, il 21enne suicida a San Vittore nel 2012, di cui i genitori chiedono una riapertura delle indagini sulle circostanze della morte, approda ora sul tavolo del Garante nazionale per i diritti dei detenuti, Mauro Palma. Il garante di Milano, Alessandra Naldi, ha infatti scritto una lettera a quello nazionale per segnalare la storia di questo giovane detenuto, trovato impiccato nella cella 5 del Conp, ossia il reparto psichiatrico del vecchio carcere milanese. Nella sua lettera, Alessandra Naldi sottolinea le condizioni disastrose in cui versa ancora oggi il Conp. “Questo reparto doveva essere chiuso all’inizio di quest’anno, come da intenzioni pubblicamente dichiarate dal Prap, ma è ancora operativo. La cella n.5, in cui è morto Gallelli, è l’ultima cella in fondo al piccolo corridoio del reparto; la cella di fronte è adibita a magazzino. Attualmente la cella 5 ospita un letto di contenzione di vecchia fattura (rete metallica su cui è poggiato un materasso in gommapiuma senza alcun tipo di fodera; spesse cinghie di cuoio fissate alle gambe del letto, cementate nel pavimento). Il letto di contenzione è ancora regolarmente in uso. Mi è capitato di trovare il materasso e le cinghie del letto abbondantemente sporche di sangue”.

Alessandro Gallelli è morto il 18 febbraio 2012 e in quel periodo nella cella n.5 non c’era il letto di contenzione, ma il garante dei detenuti di Milano ipotizza che “venisse usata per isolamento”. “In questi anni la famiglia ha chiesto con insistenza, ma finora invano, la riapertura delle indagini per appurare se effettivamente si sia trattato di un suicidio e, nel caso, individuare eventuali responsabilità anche penali da parte degli operatori penitenziari e sanitari che non avrebbero contrastato il gesto estremo del ragazzo. Ritengo mio dovere supportare la famiglia di Alessandro Gallelli in questa richiesta”, conclude Alessandra Naldi. (Agenzia redattore Sociale)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close