Fictione Lea, Marisa Garofalo: “rappresentazione vergognosa della nostra famiglia”

lea garofalo

Lea Garofalo

PETILIA POLICASTRO – “Lea e’ stata rappresentata malissimo, come una ragazza rozza, ma Lea non era cosi’, era molto signorile e parlava benissimo l’italiano”. A poche ore dalla fiction televisiva che ha portato su Rai 1 la storia di Lea Garofalo e del suo coraggio nel dire no alla ‘ndrangheta, la sorella Marisa boccia il film. Intervistata in diretta telefonica da “Buongiorno Regione”, la trasmissione del Tg regionale calabrese della Rai, Marisa Garofalo ha espresso forti perplessita’: “E’ stata rappresentata la mia famiglia in maniera vergognosa – ha detto – e ci sono stati momenti e scene che non corrispondono alla verita’, ma hanno rappresentato molto bene l’associazione Libera e forse lo scopo era proprio questo”. Critiche, dunque, anche nei confronti dell’associazione antimafia di don Ciotti: “Io purtroppo non riesco a vedere piu’ mia nipote Denise, che so essere gestita dall’associazione Libera. E ogni volta che faccio riferimento a Libera poi salta l’incontro con mia nipote, non credo sia solo casualita’. Lea ha pagato con la vita la sua scelta – ha concluso Marisa Garofalo – ma io non sono stata interpellata sulla realizzazione di questo film e non so il motivo”. (AGI) .

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close