Dl Concorrenza, Capone (UGL): “Serve accordo di buon senso a tutela dei balneari”

“Il Governo ascolti le istanze dei lavoratori e delle imprese balneari, un comparto di fondamentale importanza per la promozione del turismo e la tutela del patrimonio paesaggistico del nostro Paese. Come sindacato UGL, auspichiamo un accordo di buon senso sul testo del Dl ‘Concorrenza’ che riconosca un diritto di prelazione a favore dei piccoli imprenditori titolari di interessi legittimi, a salvaguardia degli investimenti effettuati in questi anni”. Lo dichiara in una nota Paolo Capone, Segretario Generale dell’UGL, in merito al dibattito sul Dl ‘Concorrenza’.
“Il rischio – prosegue il sindacalista –  è quello di una svendita delle spiagge italiane alle multinazionali del settore, un danno economico enorme per il Paese con ricadute drammatiche sotto il profilo occupazionale. Al contempo, è necessario prevedere indennizzi adeguati a favore dei titolari degli stabilimenti in considerazione dei costi sopportati durante la crisi pandemica. Servono risposte concrete e non provvedimenti ‘spot’ come il salario minimo pari a mille euro proposto dal Presidente dell’Inps Tridico, già sostenitore, peraltro, di una misura fallimentare come il reddito di cittadinanza. E’ il momento di abbandonare la campagna elettorale e affrontare problemi come l’aumento del costo dell’energia e l’inflazione, abbattendo il cuneo fiscale sul lavoro per consentire alle imprese di assumere e rafforzare il potere di acquisto dei lavoratori”.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close