Crotone, sono di natura umana i frammenti ossei rinvenuti nel cimitero

Foto di Rosanna Bartolillo

CROTONE – Sono di natura umana i frammenti di ossa rinvenuti – a seguito di segnalazione di cittadini ai Carabinieri – lo scorso 5 settembre nel cimitero comunale di Crotone. La conferma è arrivata oggi dalle analisi effettuate dal Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Crotone su richiesta dell’Amministrazione comunale.

“Secondo quanto attestato dal Dipartimento – si legge in comunicato del Comune – tutti i resti ossei sono da retrodatare ad un periodo compreso tra i 20 e 40 anni. Il sindaco, ugo Pugliese si era immediatamente recato sul posto e con l’ausilio dei vigili urbani si era proceduto a repertarli ed a inviarli al Dipartimento dell’ASL per accertarne la natura”.

“Innanzitutto – annuncia Pugliese – procederemo a dare una degna sistemazione a questi frammenti ossei nel rispetto che si deve al ricordo dei defunti. Allo stesso tempo, dopo aver informato le autorità competenti, apriremo una inchiesta interna per accertare i fatti ed individuare le eventuali responsabilità al riguardo. Sono profondamente amareggiato di quanto accaduto ma allo stesso tempo determinato a chiarire tutti gli aspetti. Ringrazio i cittadini della segnalazione e i Carabinieri per il pronto intervento. Sul cimitero cittadino – conclude infine il sindaco – abbiamo già dei progetti per la sua riqualificazione sui quali gli assessorati competenti sono già al lavoro per la loro attuazione”

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close