Covid e scuola: ecco di cosa si occuperanno dall’1 aprile i docenti non vaccinati

foto da pixabay.com

Con il termine dello stato di emergenza, a decorrere dal 1° aprile 2022 cessano i provvedimenti di sospensione del personale docente non vaccinato. “Detto personale potrà essere adibito alla normale attività didattica solo se abbia adempiuto all’obbligo vaccinale, mentre, in caso di persistente inadempimento, dovrà essere sostituito. Il personale docente ed educativo inadempiente all’obbligo vaccinale potrà essere impiegato nello svolgimento di tutte le altre funzioni rientranti tra le proprie mansioni, quali, a titolo esemplificativo, le attività anche a carattere collegiale, di programmazione, progettazione, ricerca, valutazione, documentazione, aggiornamento e formazione. A detto personale si applicano, fino al 15 giugno 2022 o fino alla data di adempimento dell’obbligo vaccinale, le vigenti disposizioni normative e contrattuali che disciplinano la prestazione lavorativa del personale docente ed educativo dichiarato temporaneamente inidoneo all’insegnamento”.

Lo precisa in una nota inviata alle scuole dal ministero dell’Istruzione, che negli ultimi giorni era stato sollecitato dai dirigenti scolastici a chiarire quali mansioni avrebbero potuto ricoprire i docenti non vaccinati che dal 1° aprile potranno rientrare negli istituti, ma senza fare lezione.

LEGGI ANCHE–> Insoddisfatti e poco retribuiti: il 41% dei docenti italiani cambierebbe lavoro

“Non svolgendo ‘attività didattiche a contatto con gli alunni’, si ritiene, invece, che i dirigenti scolastici ed il personale Ata, pur se inadempienti all’obbligo vaccinale e comunque fermo restando tale obbligo, possano essere riammessi in servizio dalla data di entrata in vigore del citato decreto-legge n. 24, e possano essere normalmente adibiti allo svolgimento di tutte le ordinarie attività”, si legge ancora nella nota del ministero. Fino al 30 aprile, ricorda la nota, per l’accesso ai luoghi di lavoro tutto il personale scolastico è comunque tenuto ad esibire una delle certificazioni verdi Covid-19 da vaccinazione, guarigione o test (green pass base).

Per i lavoratori “maggiormente esposti a rischio di contagio, in ragione dell’età o della condizione di rischio derivante da immunodepressione, anche da patologia Covid-19, o da esiti di patologie oncologiche o dallo svolgimento di terapie salvavita o comunque da comorbilità che possono caratterizzare una maggiore rischiosità, continua ad applicarsi la disciplina in materia di sorveglianza sanitaria prorogata fino al 30 giugno 2022 nei limiti delle risorse disponibili autorizzate a legislazione vigente”, si legge ancora nella nota. (Agenzia DIRE)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close