Cosenza, liberi di leggere in carcere

(Comunicato Stampa) – Sostenere percorsi di inclusione e reinserimento sociale dei detenuti usando come strumento privilegiato la lettura. È questo l’obiettivo del progetto Liberi di Leggere presentato ieri mattina all’Istituto penitenziario “Sergio Cosmai” di Cosenza, promosso dall’associazione LiberaMente e finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Il progetto prevede la gestione della biblioteca interna al carcere e la realizzazione di reading e incontri con gli autori. Inoltre 40 detenuti, 20 della casa circondariale di Cosenza e 20 dell’istituto penitenziario di Paola, parteciperanno ad un laboratorio di scrittura creativa a cura della giornalista e scrittrice, Rosalba Baldino. Nell’iniziativa saranno coinvolti anche i cittadini tramite la possibilità di lasciare un libro sospeso in libreria, destinandolo alla biblioteca. Attualmente, secondo i dati presenti sul sito del Ministero della Giustizia, i detenuti a Cosenza sono 216 e a Paola 189. In tutta la Calabria sono 2.388.

“La nostra mission – ha affermato il presidente dell’associazione, Francesco Cosentini – è prestare assistenza morale e materiale ai detenuti allo scopo di facilitarne il reinserimento sociale e lavorativo, ma anche costruire una maggiore sensibilità nell’opinione pubblica verso la realtà della detenzione. Da qui l’idea del libro sospeso proprio per creare un legame tra il dentro e il fuori”. Soddisfatto il direttore del carcere, Filiberto Benevento: “la biblioteca, nella casa circondariale di Cosenza esiste  già, ma non siamo riusciti, con le nostre finanze, ad arredarla. Ora, con questo progetto, allestiremo due sale per la lettura attraverso l’acquisto di nuovi arredi e l’acquisizione di libri”. Al progetto collaborano l’associazione MorEqual di Cosenza e il Centro socio culturale Piergiorgio Frassati di Paola.

Nell’occasione è stato firmato un protocollo d’intesa tra Benevento, Cosentini e don Franco Bonofiglio, presidente della Onlus della Parrocchia Santa Maria Madre della Chiesa che ha devoluto i fondi del 5 per mille al potenziamento della biblioteca, ma anche all’avvio di attività teatrali e sportive in carcere. Il direttore Benevento ha anche anticipato che, grazie ad un finanziamento della Cassa delle Ammende, il campo sportivo del carcere sarà trasformato in due campi più piccoli con pista di atletica.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close