Cinevasioni, tutto pronto al Dozza per il primo festival del cinema in carcere

freddo nel carcere di reggio emilia

BOLOGNA – “Siamo preparatissimi per il festival”. A parlare è Catalin, romeno di 42 anni, uno dei 15 detenuti della Dozza che, dal 9 al 14 maggio, vestiranno i panni dei giurati per Cinevasioni, il primo Festival del cinema in carcere promosso da D.E-R Associazione Documentaristi Emilia-Romagna in collaborazione con la Direzione della Casa Circondariale Dozza di Bologna, il contributo della Fondazione del Monte di Bolona e Ravenna e il sostegno di Rai Cinema. Dopo aver partecipato al laboratorio teatrale organizzato alla Dozza, Catalin – che è in carcere da 4 anni, prima a Opera (Milano) e poi a Bologna – ha partecipato al corso di cinema CiakinCarcere: “Il cinema mi è sempre piaciuto e sono sempre stato uno spettatore modello che stava fino alla fine, ad aspettare i titoli di coda”, racconta. Poi lo scorso ottobre è iniziato il corso di cinema e Catalin è stato uno dei partecipanti. “Siamo stati tutti rapiti da questo progetto, è stata un’esperienza ricchissima – dice – Ci hanno insegnato a guardare i film con un altro sguardo, andare oltre le immagini per capire tutto quello che c’è dietro. Ne abbiamo visti tantissimi e ognuno ci ha lasciato qualcosa”. Fuori dal carcere, in Romania, Catalin faceva l’imprenditore edile, in Dozza è diventato anche attore. Sì, perché lui e gli altri partecipanti al laboratorio sono i protagonisti di “La sfida”, il video che fa da sigla al festival.Il motivo? Lo ha raccontato Angelita Fiore direttrice organizzativa di Cinevasioni: “Io e Filippo (Vendemmiati, ndr) abbiamo chiesto loro se erano sicuri di volerci mettere la faccia e loro ci hanno detto ‘noi siamo finiti sui giornali per i reati che abbiamo commesso, per gli sbagli che abbiamo fatto, oggi vogliamo metterci la faccia per qualcosa di cui siamo fieri e vogliamo che ci sia anche il nostro nome”.

Catalin non vede l’ora che arrivi lunedì, il 9 maggio, quando inizieranno le proiezioni del festival, due al giorno (una al mattino e una al pomeriggio con un pubblico di circa 150 spettatori, tra detenuti, studenti delle superiori e dell’università e cittadini) intervallate dalle conferenze stampa con registi, distributori, scrittori, sceneggiatori, critici). A Catalin manca un anno e qualche mese da scontare. E dopo? “Non lo so, non si sa mai cosa ti può riservare la vita”, dice. Intanto, si prepara per vivere la settimana del festival e votare il film vincitore di Cinevasioni.

A presiedere la giuria ci sarà l’attore Ivano Marescotti. “Ho accettato con entusiasmo la proposta – dice – perché credo che questo festival abbia un doppio valore, creare cultura e portare questa cultura dove ci sono persone che hanno perso alcuni diritti, come la libertà, ma non quello di sviluppare passioni e talenti”. Per Marescotti, il corso CiakinCarcere e il Festival Cinevasioni che ne costituisce l’evento conclusivo rappresentano un’occasione per scoprire talenti, sviluppare passioni, “com’è accaduto per i detenuti che sono diventati attori nella Compagnia di teatro del carcere di Volterra o per me che fino a 35 anni mai pensavo di avere la vocazione di fare l’attore e poi, dopo aver lasciato il mio lavoro in Comune, ho avuto l’occasione di diventarlo”. Tra pochi giorni è in programma la prima riunione della giuria in cui Marescotti incontrerà gli altri giurati: “So che si sono preparati molto – dice – Mi fa piacere perché tutte le volte che ho fatto parte di una giuria ho cercato di discutere con gli altri sui film, di confrontarsi, non dare un voto e basta e sarà così anche questa volta”. E poi lancia una proposta: “Sarebbe bello se questo festival potesse diventare viaggiante, nomade, e andare ogni anno in un carcere diverso”. (Agenzia Redattore Sociale)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close