Cena multietnica, gli chef sono richiedenti asilo

FIRENZE – Si chiama “Ma c’è una storia nel mio piatto” ed è il progetto grazie al quale i richiedenti asilo ospitati nel Comune di Campi Bisenzio (Firenze) organizzeranno un ciclo di sette cene per raccogliere fondi a sostegno del doposcuola gratuito del Circolo di Via Giusti, promosso dall’Associazione Nuovi Cittadini, dal Porto delle Storie e dal Comune.  Le ricette dei migranti saranno poi raccolte in un libro.

La prima serata si terrà venerdì 4 dicembre 2015 con un menù che spazierà dal Mali al Pakistan grazie ai piatti preparati da Kanoutè, Khan Saraf e Mouhammad. Le cene, aperte a tutti, saranno preparate con una collaborazione tra i volontari del Porto e i rifugiati. Ogni evento lascerà una traccia che verrà consegnata ai partecipanti: una ricetta e la storia che lega quel piatto alla persona che l’ha preparato. I fondi raccolti durante le serate serviranno a sostenere le attività del Doposcuola a Storie: un servizio di tutoraggio scolastico pomeridiano gratuito per adolescenti gestito da giornalisti, scrittori e educatori volontari che accompagnano e sostengono gli studenti del territorio nel loro percorso scolastico. (RS)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close