Carlo Acutis, il ragazzino beato che sarà patrono di Internet

Una giovane vita spezzata dalla malattia improvvisa ma che lascia un grande insegnamento a chi lo ha conosciuto e a chi impara a scoprire la sua straordinaria storia. Parliamo di Carlo Acutis, un ragazzo morto a soli 15 anni e proclamato beato da Papa Francesco il 10 ottobre 2020.

Carlo Acutis chi è

Carlo nasce il 3 maggio del 1991 a Londra, città dove suo padre Andrea lavorava all’epoca. La famiglia si trasferisce poi a Milano e al giovane viene impartita una educazione cattolica: frequenterà, infatti, la scuola elementare e media presso le suore Marcelline,poi il liceo classico presso l’Istituto Leone XIII, gestito dai Gesuiti.

LEGGI ANCHE–> Fabrizio De André, i versi della canzone citati da Papa Francesco

Fin da piccolo, si avvicinò alla fede, ricevendo la prima comunione a soli sette anni, e crescendo non si risparmiò mai nell’aiutare chi avesse bisogno, sempre. La sua vita venne spezzata quando era ancora adolescente: colpito da una leucemia fulminante, morì il 12 ottobre del 2006.

Carlo Acutis patrono di Internet

La sua storia ha ispirato milioni di persone del mondo, numerose le conversioni a lui attribuite, i genitori Andrea e Antonia ricevono lettere con richieste di preghiera, da ogni parte del mondo.

Il processo di beatificazione è iniziato il 15 febbraio 2013 e si è chiuso il 24 novembre 2016, mentre il 5 luglio 2018 è stato dichiarato venerabile. Per la proclamazione di beato, fondamentale è stato il riconoscimento di un miracolo a lui attribuito dopo la morte: la guarigione del piccolo Matheus, un bambino brasiliano di sei anni affetto da una grave malformazione al pancreas.

Essendo stato in vita un appassionato di informatica, Carlo Acutis – che usava web e nuove tecnologie per l’evangelizzazione –  stato proposto come patrono di Internet.

I suoi resti, dopo essere stati trattati per la conservazione, sono stati traslati al Santuario della Spogliazione di Assisi, all’interno di un monumento funebre bianco nella navata destra.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close