Carcere, nasce ludoteca per figli dei detenuti a Sollicciano

madri detenute carcere

FIRENZE – Nel carcere fiorentino di Sollicciano nasce una ludoteca e uno sportello di ascolto. La ludoteca, gestita da Telefono Azzurro, è una grande stanza piena di giochi e illustrazioni dove potranno divertirsi i figli dei detenuti, che vengono a Sollicciano a trovare i propri genitori. Si tratta di uno spazio accogliente con le pareti celesti che evocano il cielo, dipinte da alcuni detenuti, con raffigurazioni di alberi, fate, fiori e animali.

“E’ un luogo – spiega Sylke Stegeman, responsabile del progetto – che serve per attenuare l’impatto con il contesto carcerario ai figli dei detenuti”. Dentro la stanza, dove i volontari del carcere terranno occupati i bambini attraverso attività ludico creative, ci sono libri, piccoli tavolini e sedie, tastiere musicali, peluche e divanetti. In questo luogo, denominato Foresta magica, i figli attenderanno i propri genitori detenuti, prima di poterli incontrare nel Giardino degli Incontri (area dei colloqui) ma in futuro gli incontri tra detenuti e figli potrebbero avvenire direttamente dentro la ludoteca.

Insieme alla ludoteca, è stato inaugurato anche uno sportello di ascolto, un nuovo servizio, unico nel suo genere in Italia e gestito dalla cooperativa Insieme, per la popolazione detenuta e i suoi familiari. Tutti i detenuti, e tutti i loro familiari, potranno trovare negli psicologi dello sportello, tutti i giorni tranne la domenica e il lunedì, un aiuto e un sostegno per la genitorialità e le relazioni familiari. Il servizio mira alla valorizzazione e al potenziamento delle competenze genitoriali dei detenuti. Su questo progetto, importante è stato il sostegno economico dell’assessorato alle politiche sociali della Regione Toscana, pari a 35 mila euro. Presente all’inaugurazione anche l’assessore Stefania Saccardi: “Sono progetti importanti perché non è affatto banale, per un bambino con un genitore detenuto, capire il mondo del carcere”. All’inaugurazione dei due nuovi spazi anche la direttrice de carcere Marta Costantino: “Il carcere è il posto più brutto del mondo e vedere luoghi come questi è un tentativo di rendere il carcere un luogo meno brutto”. (Agenzia Redattore Sociale)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close