Brasile, arsenico e mercurio nel Rio Doce

crollo dighe Brasile

BRASILE – Livelli di arsenico oltre 10 volte superiori ai limiti di legge. È quanto hanno rilevato gli esperti dell’Istituto per la gestione dell’acqua in sette diversi tratti del percorso del Rio Doce, dopo la rottura di due dighe di una miniera di ferro nello Stato sudorientale di Minas Gerais, avvenuta il 5 novembre, generando uno dei più gravi disastri ambientali della storia del Brasile.

Secondo quanto riporta l’agenzia Misna, nelle acque del fiume Doce, che si estende per 800 chilometri dallo stato minerario fino a quello di Esprito Santo, sulla costa dell’Atlantico, sono state riscontrate anche tracce preoccupanti di mercurio.

L’incidente ha provocato la morte di almeno 13 persone, lo sfollamento di decine di famiglie e inondazioni di fango tossico, residuo dell’estrazione del ferro, che hanno spazzato il piccolo villaggio di Bento Rodrigues e gravemente danneggiato altri sei centri, espandendosi in altri due Stati.

La miniera responsabile del disastro ambientale appartiene alla società mineraria Samarco, decimo esportatore brasiliano, proprietà in parti uguali del colosso nazionale Vale e del gigante anglo-australiano Bhp Billiton, che si è vista paralizzare le attività nel Minas Gerais e ha accettato di pagare, sinora, un minimo di un miliardo di reais (262 milioni di dollari) per i danni causati.

Redazione

Rivedi il servizio sul nostro canale YouTube

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close