Bologna, Mika canta con detenuti

BOLOGNA – Dopo l’esibizione in Senato lo scorso 20 giugno per la Festa europea della Musica e il 6 novembre in Vaticano per il Giubileo dei carcerati, il Coro Papageno – nato all’interno del carcere di Bologna da un’idea del maestro Claudio Abbado – sarà tra i protagonisti dell’ultima puntata di “Stasera casa Mika”, la trasmissione che va in onda su Rai 2 il 6 dicembre. “Il Coro – fanno sapere dall’Associazione Mozart – è stato scelto da Mika come esempio significativo del fatto che la musica cambia la vita”. Per due volte, l’artista ha visitato la Casa circondariale Dozza di Bologna per conoscere i coristi, le coriste e i volontari che li affiancano nel coro. È stato durante la prima visita che Mika ha proposto al coro di cantare insieme. “Il coro ha accettato con entusiasmo e si è preparato per la registrazione finale che si è svolta il 22 ottobre”. Il brano scelto è l’Ave Verum di Wolfgang Amadeus Mozart, un brano atipico per di Mika (nel ruolo di tenore) ma che da sempre appartiene al repertorio del Coro Papageno.

Il Coro Papageno è il coro polifonico e multietnico della Casa circondariale Dozza di Bologna. Accanto ai detenuti e alle detenute, ci sono alcuni volontari esterni, membri di altri cori cittadini (Mikrokosmos, Ad Maiora, Bassi&Co). Ideato da Claudio Abbado nel 2011, il Coro è composto da una sessantina di elementi e ha coinvolto negli anni oltre 600 detenuti. Il repertorio include brani di musica sacra, classica e medievale e canti della tradizione popolare sudamericana, araba, ebraica, rom, macedone.
Il racconto dell’incontro tra Mika e il Coro Papageno andrà in onda il 6 dicembre dalle 21 su Rai 2 durante l’ultima puntata di “Stasera casa Mika”, la trasmissione in cui uno spazio è stato dedicato a realtà che operano nel sociale utilizzando la musica come strumento di aiuto e sostegno. (Agenzia Redattore Sociale)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close