Bologna, lo chef vegetariano Salvini cucina per i senzatetto

Lo chef Simone Salvini

Lo chef Simone Salvini

BOLOGNA – Polpette di legumi, salsicce di fagioli, ragù di soia. La cucina vegana e vegetariana arriva anche alla mensa dell’Antoniano e porta la firma dello chef toscano Simone Salvini, noto anche per l’imitazione che ne fa il comico Maurizio Crozza nel suo show televisivo. Tutto è partito dal rapporto con Alce Nero, il produttore biologico bolognese che già collabora con Salvini in altri progetti. “Con Alce Nero lavoriamo da tempo – conferma Fra Alessandro Caspoli, direttore dell’Antoniano –. Abbiamo chiesto aiuto a loro per la creazione di un menù nutriente e con alimenti sani per i nostri ospiti. Sono stati loro a suggerirci Salvini, con la sua proposta qualificata. Il punto è che le risorse che arrivano da noi non sempre sono fresche, nella maggior parte di casi sono prossime alla scadenza, perciò serve maneggiarle con competenza. Una competenza che Salvini ha, e che volta dopo volta trasmette alla nostra cuoca”.

La prima volta di Salvini all’Antoniano, mercoledì scorso: “Alcuni senzatetto, a mo’ di battuta, mi hanno detto: ‘Mica mangeremo solo verdure? Noi viviamo in strada, abbiamo bisogno di carne’ – racconta lo chef –. Noi ce la mettiamo tutta per preparare al meglio alimenti sani di origine vegetale”. E se qualche ospite ha scherzosamente storto il naso (“Tutti hanno finito quello che avevano nel piatto”, sottolinea Fra Caspoli), in tanti gli hanno fatto i complimenti: “Mi hanno stretto la mano per ringraziarmi. Io, durante il pranzo, mi sono fatto vedere in fondo alla sala, per far capire che dietro quel tipo di cucina ci sono persone e non solo idee astratte”.

I mercoledì di Salvini alla mensa andranno avanti per qualche mese, il tempo necessario per permettere alla cuoca di imparare qualche segreto della sua cucina vegana e vegetariana: “Perché una cosa è la quotidianità, un’altra l’eccezione di avere uno chef in cucina – sorride Fra Caspoli –. E pazienza se qualcuno non s’è dimostrato entusiasta del pranzo a base di verdure. Qui tutti i giorni c’è chi vorrebbe la carne più o meno cotta, la pasta più o meno salata: qualche appunto è all’ordine del giorno. Che poi, si tratta di un giorno a settimana! Il resto dei giorni la carne non mancherà. Siamo a Bologna, come potremmo rinunciarci?”.

Mancano pochi giorni al 9 maggio, giorno dell’arrivo di un altro chef nella cucina dell’Antoniano: si tratta di Massimo Bottura, proprietario dell’Osteria Francescana a Modena e delle sue 3 stelle Michelin. Per la prima volta nella sua storia, la mensa (nata nel 1954) resterà aperta anche la sera (una sera a settimana), grazie alla collaborazione con il circuito di ristoratori e produttori emiliano-romagnoli di CheftoChef. “Stiamo cercando fondi per ristrutturare la sala – spiega Fra Caspoli –. Nuova illuminazione, nuovi colori, nuovi pavimenti, tavoli e sedie e opere d’arte ai muri: per tutto questo serve tempo, ma i battenti il 9 maggio li apriamo comunque”. (Agenzia Redattore Sociale)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close