Azzardo, in Emilia Romagna 1300 persone con dipendenza da gioco

BOLOGNA – Agli emiliano-romagnoli giocare d’azzardo piace parecchio. Secondo i dati forniti oggi in Regione, il gioco illegale comporta, tra i maggiorenni, una spesa pro capite di oltre 1.800 euro a testa l’anno. Il ”consumo” di gioco d’azzardo in rapporto al Pil vede in testa Rimini addirittura col 6%, ma non distanti sono Reggio Emilia (5,62%) e Modena, Parma e Ferrara (5%). Solo le province di Forlì-Cesena, Bologna e Ravenna sono sotto il 4,5% del Pil, una “cifra comunque importante”, come ha sottolineato al question time l’assessore alla Sanità Sergio Venturi.
Interpellato dal gruppone Pd (la domanda è stata letta in aula da Marcella Zappaterra ma era firmata anche dal segretario regionale Paolo Calvano, dal capogruppo Stefano Caliandro e da altri consiglieri dem), l’assessore ha ricordato che in regione esistono già 40 punti di accoglienza e trattamento per i giocatori patologici, oltre ad una struttura residenziale (progetto “Pluto” a Reggio Emilia) dedicata specificamente all’accoglienza dei ”malati” di gioco. Lo scorso anno i servizi hanno trattato circa 1.300 pazienti con dipendenza da gioco d’azzardo patologico.

Venturi ha rivendicato quanto fatto dalla Regione per combattere il gioco d’azzardo, dai corsi di formazione obbligatori per i gestori dei locali (42 corsi rivolti a 800 persone) alle vetrofanie “SlotFree” (prima ristampa in 3.000 copie) che vengono rilasciate su richieste dei Comuni a bar ed esercizi che rinunciano a tenere le ”macchinette”. Troppo poco secondo il Movimento 5 stelle, che ha presentato nei giorni scorsi una propria proposta di legge da discutere in assemblea legislativa.
Ma qualcosa si sta muovendo anche con l’amministrazione Bonaccini: con nuovo testo unico della legalità (l’approvazione è prevista entro l’estate) entreranno in vigore provvedimenti anti-usura e sarà negato il patrocinio ad eventi che pubblicizzino il gioco d’azzardo. Inoltre, ha ricordato ancora Venturi, un emendamento approvato nel bilancio regionale consente di destinare 150 mila euro a sostegno degli esercenti che dismettono le attività di gioco d’azzardo. (Agenzia Redattore Sociale)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close