Auser, il teatro insegna a proteggersi dal gioco d’azzardo patologico

Il teatro come asso nella manica per vincere il gioco d’azzardo patologico: è la scelta fatta da Auser Paderno d’Adda, che ha organizzato il 9 e il 12 febbraio due incontri – rispettivamente al Centro Anziani di Merate (sala piena e grande successo) e al Cinema Teatro di Bellano – finalizzati a dare strumenti per essere più consapevoli e preparati rispetto al rischio di cadere nel gioco d’azzardo patologico. La particolarità degli incontri riguarda il fatto che insieme al dott. Luca Rossi del Movimento No Slot (che presenta i risultati della ricerca sul gioco patologico tra le persone anziane) e all’esperto psicologo Daniele Landi (che a Merate ha risposto alle domande dei presenti anche a evento concluso) c’è un’intera compagnia teatrale, Il Carro Di Tespi, che mette in scena le conseguenze dell’azzardo pericoloso attraverso le sagaci battute della commedia di Carlo Goldoni “La bottega del caffè”. 
 
A proposito di cultura, usiamo il pensiero critico: è sbagliato continuare a chiamare “gioco”, parola che rimanda a un divertimento innocuo e leggero, un sistema che può andare a intaccare rapidamente la salute psicofisica (fino ad estreme conseguenze) ed economica (finendo anche nelle mani di usurai) delle persone più fragili. 
 
“Tutto è nato quando sono stata contattata dalla Rete Salute dell’ambito di Merate, in particolare dall’assistente sociale Gabriella Panzarella, per costruire un progetto specifico sul gioco d’azzardo patologico – racconta Betty Mapelli, presidente di Auser Paderno d’Adda – e subito ho pensato a un evento coinvolgente. Abbiamo collaborato con ATS, con gli ambiti di Merate, Bellano e Lecco, con “L’Azzardo Azzanna” e con le amministrazioni comunali; abbiamo coinvolto Auser Insieme di Cernusco Lombardone per diffondere il messaggio nella maniera più capillare possibile. Per l’incontro a Merate i nostri volontari sono andati a prendere con due pullmini i soci anziani di Cernusco Lombardone e tante altre persone interessate a partecipare che ci hanno telefonato per chiedere un accompagnamento. Abbiamo messo a disposizione i pullmini anche per sabato a Bellano: è possibile prenotare telefonando al 344/3428741 per l’incontro e allo 039/9515723 per parlare con i volontari Auser e chiedere il trasporto protetto”. 
 
Se è vero che l’apprendimento è favorito da una lezione divertente, veicolare messaggi importanti tramite l’interazione con un brillante gruppo teatrale può davvero essere una mossa vincente: “L’azzardo patologico è una dipendenza data dalla tensione, dalla dopamina che entra in circolo – commenta Elisabetta Spaini, attrice della compagnia “Il Carro di Tespi” -. Fare cultura è dare un esempio, vale anche per i concetti che si veicolano in casa, a scuola e in televisione, oltre che sui social. I ragazzi che frequentano le sale giochi cercano ricompense senza mettere in gioco le competenze e nemmeno loro stessi, mai. Sperano nella fortuna, che è qualcosa al di fuori di qualsiasi controllo. È un’astrazione, col rischio che qualcuno la scambi per la realtà e si dica “sono fortunato” se vince o “sono un perdente perenne, ma mi rifarò” entrando ancora di più nella spirale: etichette pericolosissime, che ci si può mettere addosso a tutte le età. In “La Bottega del Caffè”, Eugenio è il protagonista ludopatico che gioca tutta la notte, non mangiando e ignorando la giovane moglie, alla quale impegna gli orecchini e la dote per poi spergiurare “Non lo farò più” e tornare due minuti dopo nella biscaGoldoni ha scritto un lieto fine perché la sua è una commedia, ma fuori dal teatro avere il lieto fine non è così facile”. 
 
Auser in Lombardia è da anni impegnata nella prevenzione rispetto al gioco d’azzardo patologico e il binomio cultura-tutela di sé è strategico, così come offrire occasioni di inclusione per creare un circolo virtuoso: “Il gioco patologico si caratterizza con una forma di dipendenza che si sviluppa, in particolare, in presenza di stati depressivi: la noia, la solitudine producono un senso di vuoto, il gioco si presta facilmente a restituire un senso di leggerezza e nel contempo di gratificazione – conclude Tiziana Scalco, componente della Presidenza di Auser Lombardia con deleghe proprio alla promozione culturale e al contrasto al GAP -. L’adrenalina entra in circolo e crea un piacere che si vuole mantenere ed è così che, in assoluta solitudine, si ripete in modo compulsivo la ricerca di quel momento di temporaneo alleggerimento dello stato depressivo e del vuoto. È un impulso al quale il giocatore d’azzardo non riesce a resistere e la dipendenza diventa sempre più complicata e devastante. La strada per uscire dalla dipendenza non è semplice, serve un sostegno esterno con familiari, amici, sanitari e anche questo può non bastare, perché per riempire quel vuoto del vivere occorrono motivazioni valide, che rafforzino l’autostima insieme alla consapevolezza delle proprie qualità e potenzialità. La cultura è uno degli strumenti più importanti per trovare risposta alla dipendenza, perché la cultura è bellezza, è emozione, perché muove riflessioni e introspezioni. La cultura nelle sue enormi espressioni è una potente arma rivoluzionaria che allarga orizzonti. La cultura è socializzazione, è un viaggio nell’immensità del talento umano, una risposta alla capacità della vita di non finire mai di stupirci e di darci benessere profondo, facendoci sentire non più soli, ma parte di un Insieme”.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close